Violenza privata e lesioni aggravate, assolto 28enne sorvegliato speciale

Si è concluso con una sentenza di assoluzione il processo a carico di S.P., ventottenne sorvegliato speciale, difeso di fiducia dal penalista Avv. Francesco Nicoletti. L’imputato era accusato di violenza privata aggravata e lesioni personali aggravate, in concorso con altre persone rimaste ignote, per futili motivi legati al furto di un autocarro subito dalla parte offesa.

I FATTI La vicenda risale alla serata del 19 ottobre 2013 quando, intorno alle 22,30, per come riferito dalla vittima ai carabinieri, si verificarono i fatti poi oggetto del procedimento penale. La parte offesa riferì di trovarsi, in quella occasione, a bordo della propria auto in compagnia di un’altra persona quando un mezzo gli tagliò improvvisamente la strada costringendolo a fermarsi sulla carreggiata. Da questa seconda auto, sempre per come riferito, sarebbe sceso il ventottenne S.P. che, aperto lo sportello della vettura della vittima, lo avrebbe colpito a mani nude al volto e ai fianchi per poi strattonarlo fuori dalla macchina e sferrargli anche dei calci. Il tutto senza proferire alcuna parola. Dopo l’iniziale stordimento la vittima, riuscita a risalire in auto e innestata la marcia, si recò a denunciare l’accaduto presso la Caserma dei Carabinieri, dove giunse poi l’ambulanza che lo trasportò presso l’ospedale di Rossano per le cure e il referto medico che diagnosticò “trauma cranio facciale con frattura delle ossa nasali ed escoriazione del dorso nasale, trauma contusivo emitorace sinistro, stato di agitazione”. A distanza di qualche giorno, i due si sarebbero incontrati all’interno di un bar, dove il ventottenne gli avrebbe riferito non aver nulla a che vedere con il furto di un camion subito in precedenza dalla vittima sotto la sua abitazione.

LA DECISIONE DEL TRIBUNALE L’episodio è sfociato in un procedimento penale dinanzi al Tribunale di Castrovillari, a conclusione del quale, in totale accoglimento delle richieste avanzate dall’Avv. Francesco Nicoletti, è stata emessa sentenza di assoluzione nei confronti di S.P. per entrambi i capi di imputazione; nello specifico con la formula “perché il fatto non sussiste” relativamente alla violenza privata aggravata.

(comunicato stampa)

Potrebbero interessarti anche...

Lascia commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *