Trebisacce amministrative, Sposato: nessun ripensamento sulla Latronico

TREBISACCE Si rincorrono senza tregua, in questi giorni, le indiscrezioni di alleanze politiche, nuove e perdute, a Trebisacce. Difatti, sebbene manchi ancora qualche mese alle amministrative locali, la città sta vivendo in uno stato di continuo fermento. La ricandidatura del sindaco uscente Franco Mundo, che allo stato sembra essere il solo punto fermo, pare avere generato scompiglio dentro e fuori la casa del Partito Democratico di Trebisacce. Una tale scelta non sarebbe, invero, univocamente accettata all’interno del Partito, tant’è che il Segretario De Marco continua ad essere oggetto di critiche da parte di alcuni tesserati, pronti a mettere in discussione una tale determinazione.
Al di fuori, i movimenti civici, che si erano venuti a creare, ufficialmente non sono ancora usciti allo scoperto con i nomi dei papabili all’agognata poltrona. L’ipotesi di una coalizione, che raccolga gli scontenti del Partito Democratico e gli antagonisti di Mundo, potrebbe essere quindi ancora possibile.
Pino Sposato si è dichiarato pronto al dialogo con gli altri movimenti cittadini, non chiudendo la porta nemmeno al PD, qualora dovesse scegliere un candidato diverso da Franco Mundo, biasimando l’operato dell’attuale Amministrazione.
Per il resto, smentisce un ripensamento in merito alla candidatura a sindaco di Loredana Latronico per “Trebisacce Ideale”, la quale, a suo dire, sarebbe la figura più competente a ricoprire il ruolo, rimarcandone la professionalità e il distacco da un atteggiamento di politica per mestiere. Ad ogni modo, lunedì si terrà un’assemblea dalla quale dovrebbe ufficialmente uscire il nome del candi-dato prescelto. Sul versante del movimento “La Svolta”, invece, il designato a concorrere per la carica di primo cittadino sarebbe Paolo Accoti. Non resta quindi che attendere i prossimi sviluppi.
(fonte: La Provincia di Cosenza)

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *