Thurio. Il Comune ha anticipato 850mila euro e la Regione non dà risposte



Commissario Domenico Bagnato

CORIGLIANO ROSSANO – Esondazione del fiume CRATI, tutta la necessaria documentazione è stata trasmessa alla Regione Calabria in modo corretto, completo e puntuale. Non vi è stata alcuna omissione da parte del Comune, né risultano all’ente eventuali richieste integrative da parte degli uffici e dipartimenti regionali competenti. 

È quanto ribadisce il Commissario Prefettizio, il Prefetto Domenico BAGNATO che ieri (giovedì 11) ha ricevuto in Comune, nella sede di CORIGLIANO, Angelo ALTOMARI, legale rappresentante delle famiglie coinvolte nell’esondazione del 28 novembre 2018 e che da allora sono ospitate negli hotel messi a disposizione dal Comune.

Anche quest’ultimo incontro – chiarisce il Prefetto – si inserisce nel quadro dei numerosi confronti che sin dal giorno successivo all’evento calamitoso si stanno tenendo periodicamente con tutti i soggetti coinvolti, soprattutto, con le famiglie direttamente interessate e con i loro rappresentanti.

Senza alcun tentennamento, sulla vicenda, l’Organo Commissariale e gli uffici comunali competenti hanno dimostrato e – scandisce il Commissario – continuano a dimostrare massima disponibilità e ascolto.

Se vi è un dato critico da evidenziare e ricordare – conclude BAGNATO – è purtroppo che, da una parte, dopo mesi dal fatto alluvionale e dai danni e disagi subiti dai residenti, l’unico ente ad essere immediatamente intervenuto, accollandosi costi ingenti che competono ad altri enti sovracomunali, resta il Comune di CORIGLIANO ROSSANO che ha già anticipato circa 850MILA EURO  per l’alloggio in corso nell’hotel delle famiglie coinvolte, la rimozione delle centinaia di carcasse di animali rimaste vittime dell’esondazione e per tutti gli immediati interventi di sistemazione, ricostruzione e messa in sicurezza degli argini; dall’altra, il Comune non ha mai ricevuto da nessuno degli altri enti competenti alcun rimborso per quanto già anticipato, né alcun riscontro in merito (Comunicato stampa).

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.