Terremoto Albania. Il Club Magna Grecia Off-road organizza spedizione umanitaria



Corigliano Rossano – La Repubblica d’Albania nei secoli ha avuto un fortissimo legame di fratellanza con la popolazione italiana: dal 1939 al 1943 la corona del Regno d’Albania fu assunta da Vittorio Emanuele III a seguito della guerra promossa dal regime fascista e l’instaurazione del Protettorato Italiano del Regno d’Albania; tra l’altro, la moglie di Vittorio Emanuele III, la regina Elena, era originaria del Montenegro. E andando ancora più a ritroso nel tempo, non possiamo dimenticare che alcune comunità albanesi provenienti dall’antica regione dell’Epiro si stabilirono in Italia tra il XV e XVIII secolo in seguito alla morte dell’eroe nazionale albanese Giorgio Castriota Scanderberg e alla progressiva conquista del territorio albanese da parte dell’Impero Ottomano. Queste comunità si sono stabilizzate nell’Italia meridionale, in particolare in Calabria e Sicilia, mantenendo inalterati nel corso dei secoli la loro lingua nazionale, i loro usi e costumi. Ancora: tanti furono gli albanesi che negli anni ’90 del ‘900 arrivarono lungo le coste del Mar Mediterraneo, rischiando anche la vita, alla ricerca di un futuro migliore.

È di pochi giorni fa la notizia che la Repubblica d’Albania è stata sconquassata da un fortissimo terremoto, un forte sciame sismico ha causato morte e distruzione. A Corigliano Rossano il club “Magna Grecia Off-road” da un decennio offre aiuti umanitari laddove c’è bisogno. In collaborazione con Aldo Marino, Console d’Albania in Calabria, si sta organizzando una raccolta di beni di prima necessità – vestiario, coperte e cibo non deperibile – per i fratelli albanesi colpiti dal gravissimo sisma. La partenza dei beni sarà effettuata venerdì 13 dicembre. Fino al prossimo giovedì 12 dalle ore 10 alle ore 12 è possibile raccogliere ulteriori indumenti: devono essere portati presso la Croce Rossa, posti all’interno di scatoloni con la specifica del contenuto scritta sull’esterno.

“All’indomani dell’immane tragedia che ha colpito l’Albania, in particolare la città di Durazzo, nella notte del 26 novembre nella mia qualità di Console Onorario di Albania, di Arbereshe – dice Aldo Marino – dunque di fratello di quelle popolazioni, mi sono immediatamente chiesto cosa avrei potuto fare per portare un aiuto concreto. Immediato il ricorrere al club Magna Grecia Off-road, con cui da quasi un decennio frequentiamo la terra delle aquile anche realizzando tanti progetti di aiuto umanitario”.

Antonio La Banca

 

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.