Sibaritide, Covid: 621 casi complessivi, Corigliano-Rossano in testa

Nella Sibaritide la curva è in leggera crescita e la città che conferma dati preoccupanti è Corigliano-Rossano. Nella sola giornata di ieri, il centro jonico ha fatto registrare ben 45 casi, per un totale che è pari 379 contagi. La Sibaritide, nel suo complesso, incluso la comunità di Acri, conta 621 pazienti Covid. Nell’area ausobizantina ciò che preoccupa è il mondo scolastico. La conferma giunge dalla chiusura precauzionale di alcune classi verso cui è stato attuato il protocollo di sicurezza e si darà vita alla sanificazione dei locali a partire da oggi. Così come, sempre in giornata, avranno inizio le vaccinazioni destinate agli ultraottantenni nei centri vaccinali.

Porte aperte nei distretti sanitari della Sibaritide, con l’attivazione delle Aggregazioni Funzionali Territoriali: scalo e centro storico di Corigliano e il punto vaccinale della ex delegazione comunale allo scalo di Rossano. «I cittadini fragili, afferma il sindaco di Corigliano Rossano Flavio Stasi, saranno vaccinati nei plessi ospedalieri dove potranno avere una assistenza complessiva; i cittadini che hanno difficoltà di movimento saranno vaccinati a casa». Ieri mattina, seppure con qualche difficoltà organizzativa nella gestione del personale, è partita la campagna di vaccinazione AstraZeneca destinata alle forze dell’ordine. Da apripista gli uomini e le donne operanti presso il commissariato di pubblica sicurezza di Corigliano-Rossano. Proseguiranno i carabinieri e la Guardia di finanza.

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.