Schiavonea. Post-emergenza, i piccoli pescatori hanno diritto al futuro

Corigliano Rossano – Nelle situazioni più difficili bisogna avere la capacità di esorcizzare le preoccupazioni e anche se la stagione balneare si preannuncia essere disastrosa per l’economia costiera di Corigliano-Rossano, noi coltiviamo l’ambizione di riprenderci il futuro. È vero, nella nostra Regione, – dichiara Salvatore Martilotti presidente del “Comitato Pescatori Calabria” – tutto il comparto dei pescatori costieri artigianali era sicuro di azioni a sostegno da parte dei Comuni costieri, e noi della zona marina di Corigliano-Rossano eravamo certi di interventi di competenza per sostenere i piccoli pescatori in questa disastrosa crisi che ha messo in ginocchio la pesca artigianale e non solo. Le difficoltà nella vendita e distribuzione del prodotto hanno aggravato la crisi, pur essendo il settore pesca autorizzato ad esercitare l’attività, ovviamente con le dovute raccomandazioni per via dell’emergenza sanitaria. Per i Comuni costieri poteva rappresentare una opportunità per la valorizzazione del “Prodotto ittico locale”. E noi di Corigliano-Rossano facevamo molto affidamento sull’intervento del Comune per la realizzazione di un “Mercatino ittico al consumo provvisorio” a Schiavonea per contribuire a valorizzare un prodotto alimentare gradito alle nostre popolazioni. Purtroppo, non siamo stati ascoltati per colmare anche un “vuoto storico” in una delle più rilevanti comunità costiere della Calabria. Ancora oggi siamo alle prese con questa grave emergenza che è difficile capire quando finirà, e per superare le difficoltà di una antica categoria molto radicata sul nostro litorale, non è possibile abbandonarla al proprio destino. È vero oggi siamo delusi e ci sentiamo abbandonati, ma i piccoli pescatori esistono e intendono superare l’emergenza per assicurare un futuro alla pesca artigianale. Tuttavia, se ascoltati – continua Salvatore Martilotti – abbiamo la speranza di un cambio di rotta e come da tradizione non manca certamente il coraggio di fare anche da soli puntando sulla propria capacità professionale investendo su se stessi. E quando tutto passerà ritroveremo un momento di leggerezza per attuare le nostre idee progettuali con l’obiettivo di cercare di rilanciare la pesca costiera artigianale di Schiavonea. Ma, in questo momento di grave emergenza, c’è bisogno dell’attenzione del Comune di Corigliano-Rossano non per chiedere interventi di difficile attuazione, ma come prevede la delibera della Giunta comunale del 24 dicembre 2019,e dopo l’adesione alla manifestazione d’interesse con la presentazione dell’idea progettuale, chiediamo al Comune di Corigliano-Rossano solo il rispetto della legge per ottenere la concessione demaniale nel Comparto n. 3 dove il Piano Spiaggia vigente prevede la presenza dei pescatori costieri artigianali. E così i nostri piccoli pescatori, dopo essere stati autorizzati, possono incominciare a dare attuazione al progetto con fondi propri. Al Sindaco chiediamo – conclude Salvatore Martilotti – solo la cortesia di far presto anche per aiutare i piccoli pescatori a superare l’emergenza Covid-19 e così poter assicurare un futuro ai nostri pescatori costieri artigianali e ai nostri concittadini l’invito di venire ad apprezzare i sapori del mare gustando “il prodotto ittico locale” sbarcato dai nostri piccoli pescatori, ma anche continuare ad ammirare sulla spiaggia del Borgo marinaro un mare azzurro e trasparente! (Comunicato stampa).

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.