Prelievo abusivo di sabbia dallo Stombi. Una denuncia



Militari del Nipaaf, Nucleo Investigativo di Polizia Ambientale e Agroalimentare dei Carabinieri Forestale di Cosenza, unitamente al personale delle Stazioni Forestali di Rossano e Corigliano hanno nei giorni scorsi posto sotto sequestro un ingente cumulo di sabbia prelevato furtivamente nel canale dello Stombi a servizio dei laghi di Sibari. Il sequestro è stato eseguito in un cantiere edile e di produzione materiali inerti situato in località “Fiume Nicà” nel comune di Cariati.
I militari, insospettiti da un intenso traffico di mezzi pesanti carichi di sabbia sulla SS 106, hanno effettuato una mirata attività investigativa, durata diversi giorni, che ha permesso di accertare come la ditta aggiudicataria dei lavori di dragaggio del canale Stombi, si appropriava in modo continuato della sabbia che secondo il progetto approvato sarebbe dovuta rimanere sul sito ed essere utilizzata per il ripascimento delle spiagge adiacenti la foce del canale. I Militari sono intervenuti all’interno del cantiere di Cariati mettendo i sigilli a 1.200 metri cubi di sabbia proveniente dallo Stombi, nel corso delle attività sono stati rinvenuti nel medesimo cantiere anche 350 metri cubi di rifiuti speciali pericolosi e non pericolosi illecitamente gestiti e parzialmente sottoposti a combustione, anche questi posti sotto sequestro. Il proprietario titolare dell’azienda dovrà rispondere dei reati di furto aggravato, danneggiamento di area demaniale sottoposta a speciale regime protezionistico e di gestione e smaltimento illecito di rifiuti. Le attività sono state coordinate dalla Procura della Repubblica di Castrovillari.

(comunicato stampa)

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.