Ospedale Cariati. Chiarello: Si acceleri per riaprire, alle parole di Longo seguano i fatti

ospedale Cariati

Campana – “Dopo aver sentito le parole del Commissario Longo nella seduta del Consiglio Regionale del 26 aprile dobbiamo tenere alta l’attenzione e non lasciare scemare la congiuntura propizia. Longo ha detto a chiare lettere ciò che noi stiamo ripentendo da anni: bisogna ridefinire il ruolo dei presidi sanitari, soppressi e ridotti a case della salute, e accogliamo con grande speranza l’annuncio di volerlo inserire nel piano ospedaliero 2022/2024. Un’apertura, quella di Longo, cui dovranno seguire i fatti come la riapertura del “Cosentino” che noi amministratori insieme ai cittadini pretendiamo avvenga prima del 2022″. Questo il commento del Sindaco di Campana Agostino Chiarello dopo la seduta del Consiglio Regionale in cui si è discusso di sanità e che ha visto aprirsi uno spiraglio per l’ospedale di Cariati.

“E’ chiaro che l’intera zona che fa capo al nosocomio di Cariati e che attualmente è sprovvista di un qualsivoglia presidio sanitario – ha proseguito Chiarello – resta vigile e continua a chiedere a gran voce la riapertura del “Vittorio Cosentino”. Da anni il diritto alla salute dei cittadini del Basso Jonio è mortificato da politiche sanitarie che hanno sempre e solo tagliato servizi senza nessuna riduzione di costi, con un debito sanitario che è salito a ritmi vertiginosi nonostante i tagli, le chiusure, la spoliazione dei territori. Al momento i cittadini del nostro comprensorio non solo non possono accedere a prestazioni che non siano elementari, restando fuori da concetti come ad esempio la golden hour, ovvero il lasso di tempo di massimo un’ora che può servire a garantire la sopravvivenza per chi subisce traumi o lesioni gravi. Pertanto chiediamo a chi di dovere di attivarsi al fine di mettere in campo tutte le azioni utili affinché si possa riaprire l’ospedale di Cariati già a partire da quest’anno” (Comunicato stampa).

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *