Nuovo Ospedale della Sibaritide, Cgil: «Incontro urgente sui rincari» | VIDEO

I lavori del nuovo ospedale della Sibaritide procedono regolarmente e seguono la tabella di marcia prevista. Due sono gli elementi che rischiano di turbare l’andamento dei lavori: il rincaro dei prezzi (dall’energia alle materie prime) e la strada di collegamento che congiunge il nuovo presidio alle due ex città di Corigliano e di Rossano. Per il resto, soprattutto per le opere primarie di urbanizzazione, è tutto previsto nel cronoprogramma dei cui contenuti si discuterà nel primo trimestre del 2023.

Il segretario generale Sibaritide-Pollino-Tirreno Giuseppe Guido si dice preoccupato sulla problematica dei “rincari” che potrebbe far lievitare i costi dell’opera e il problema è che non si discute di un’adeguata copertura finanziaria: «Non vorremmo ritrovarci con risorse non bastevoli che possano compromettere l’andamento dei lavori e ritrovarci un domani con una nuova cattedrale nel deserto, afferma il segretario Guido. Al momento il cantiere funziona, le maestranze sono occupate, non ci sono licenziamenti, anzi abbiamo firmato un accordo per il doppio turno per consentire lo scarico di materie prime anche nelle ore pomeridiane». Ma per il sindacalista è necessario indire una riunione urgente a Catanzaro con il presidente Roberto Occhiuto per affrontare la questione del caro energia unitamente all’azienda e alle organizzazioni sindacali per fare il punto sui finanziamenti. Altro filone è la realizzazione della strada di collegamento con le due aree urbane: «Era un’opera affidata al comune di Corigliano-Rossano che ci aspettavamo fosse già cantierizzata e cantiere non è. Li segnaliamo un ritardo ma al momento non siamo preoccupati».

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *