Le opposizioni chiedono conto a Russo

La misura è colma, Russo e la sua maggioranza non possono più far finta di nulla e devono rendere conto al consiglio comunale e alla cittadinanza cosa stia succedendo e cosa ancora dovrà succedere in merito al servizio di raccolta rifiuti cittadino. Quando abbiamo richiesto la convocazione dell’assise cittadina alla fine del mese di settembre il Sindaco e i suoi hanno deciso di fuggire per non dover essere costretti a spiegare alla città le scellerate scelte sui rifiuti che hanno penalizzato ed estromesso una cooperativa funzionante, che dava lavoro a diversi padri di famiglia, per affidarla ad un’azienda finita agli onori delle cronache nei giorni scorsi per vicende giudiziarie che ne pregiudicano la contrattazione con le pubbliche amministrazioni.

Non possiamo non ricordare, e torneremo a chiederne conto a Russo, di come la gara d’appalto abbia visto la partecipazione di una sola ditta risultata vincitrice che però non sappiamo se abbia o meno firmato il contratto di servizio con il Comune e in che termini stia operando. In tutto questo i lavoratori della ditta sono in agitazione sindacale poiché non percepiscono le spettanze da diversi mesi in violazione del CCNL di riferimento. Inoltre con i problemi di natura giudiziaria che hanno investito la E-Log non si ha idea di quale sarà il futuro del servizio e dei lavoratori: tutto ciò a danno solo e soltanto dei cittadini.

Pertanto abbiamo richiesto, investendo anche il Prefetto di Cosenza della vicenda, la convocazione urgente di un consiglio comunale in cui finalmente Russo e la sua maggioranza dovranno spiegare quale sia lo stato dell’arte in materia di raccolta rifiuti, quale sarà il futuro del servizio e delle maestranze, quale sia lo stato delle finanze dell’Ente dato il costante ritardo nel pagamento degli emolumenti e quali iniziative il Comune intenda adottare nei confronti della E-Log. Sperando che questa volta la maggioranza decida di non scappare e di dire la verità ai propri cittadini.

Potrebbero interessarti anche...

Lascia commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *