IV Concorso di poesia “Giuseppina De Florio”. Scade il 24 novembre

L’autore – l’attrice Lina Bernardi – il direttore di I&C Matteo Lauria

Corigliano Rossano – Scadrà il prossimo 24 novembre  il bando del IV concorso nazionale di poesia per Giuseppina De Florio rivolto ad adulti e a ragazzi di scuola primaria, secondaria di I e II grado ( indirizzo email : toscanoworking5@gmail.com).

Bisogna inviare una poesia di massimo 36 versi su un  tema libero, in lingua italiana e inedita specificando la categoria per la quale si concorre. Il bando è stato organizzato dall’associazione culturale “Sperimentiamo – Arte – Musica- Teatro” e dalla Parrocchia Santa Maria delle Grazie a Casal Boccone- Roma. La premiazione avverrà martedì 4 dicembre 2018.

Nell’agosto scorso I&C rendicontava su una serata dell’autore Mario Pino Toscano in sede di presentazione del libro “L’anima con la penna in mano”.

Non è facile aprirsi all’autobiografia, soprattutto quando si toccano corde emotivamente coinvolgenti. Parlare di sentimenti, narrare sensazioni, esprimere proprie emozioni in pubblico è segno di nobiltà. In una società costruita sull’immagine in cui l’individuo è chiuso in se stesso, incontrare persone che mettono a disposizione degli altri i propri vissuti è da considerare un vero atto di generosità nei confronti dell’umanità. L’estro di un nascente artista, da sempre attratto dalla poesia, che trae origine da una incommensurabile tragedia, tale per modalità, tempistica e contesto, s’incontra nel suggestivo chiostro di San Bernardino nella nuova città Corigliano Rossano,  in una sera di fine estate impreziosita dalla presenza di una straordinaria e incantevole attrice di teatro e cinema Lina Bernardi.

“L’anima con la penna in mano” è una raccolta di poesie in cui ogni singolo verso è da considerare una scorcio di vita vissuta. Tutto ha inizio da una profonda sofferenza, dall’interruzione solo terrena di una grande storia d’amore con la sua adorata Giuseppina, prematuramente scomparsa a causa di un improvviso male nel luglio del 2014. Si conoscono sin dai banchi di scuola, poi negli anni 70 la decisione di lasciare Rossano per mancanza di lavoro e trasferirsi a Roma, loro città futura. Da Mario Pino e Giuseppina nascono quattro figli Gianluca, Sabrina, Francesco e Simone, a cui il poeta dedica il suo primo libro:“ Il Signore ha voluto che due piccoli “manovali dell’amore” costruissero un edificio così importante, la nostra famiglia. I miei pensieri, la mia sofferenza, ma anche le mie speranze sono in questi versi. “L’anima con la pena in mano” possa servire a dare un senso alle nostre vite dove l’amore, in tutte le sue forme, quello universale, sia sempre al primo posto. Solo così saremo degni di essere uomini”. La prefazione è del poeta Nino Amato. Una miscela di valori che ha come unico comune denominatore: l’amore.

I sentimenti, il senso della famiglia, gli affetti, i rapporti genitori/figli, l’amicizia, il legame con la propria terra d’origine mai interrotto nonostante gli oltre 40 anni di lontananza. L’autore destina due distinte poesia sul punto: la prima rievoca la Rossano degli anni sessanta, i luoghi, la mentalità, i costumi, alcuni nomi e i soprannomi delle famiglie più conosciute, le abitudini, i vissuti. La seconda paragona i tetti di Roma a quelli di Rossano, laddove è evidente l’amore per la propria città e il continuo richiamo alle origini. Sotto quei tetti, le tante verità di Rossano e dei rossanesi, fino ad arrivare ai tempi d’oggi in cui l’autore coglie decadimento e torpore. “A mio padre” e “A mio madre” sono i versi dedicati ai propri genitori, figure inferte nell’anima dell’artista. E poi, l’infanzia, l’adolescenza e il profondo rapporto con la fede. A coordinare i lavori il prof. Giuseppe De Rosis. Le relazioni affidate a Cinzia Baldazzi, saggista critico-letterario. Stacchi musicali di Gianluca Toscano. Letture a cura di Antonella Casciaro, Salvatore De Cicco e Clelia Rimoli e Lina Bernardi che ha concesso sul finale della serata alla platea presente la magistrale interpretazione di un passo tratto dalla “Favola del figlio cambiato” di Luigi Pirandello.

 

 

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *