Interrogazione di Straface (FI): Elettrificazione linea ferroviaria jonica , vincolare RFI con un cronoprogramma più stringente

Il consigliere di Forza Italia, Pasqualina Straface sollecita il presidente del consiglio Filippo Mancuso e l’assessore alle infrastrutture Mauro Dolche sulla questione dell’elettrificazione linea ferroviaria jonica. Oggi è stata protocollata un’interrogazione a risposta immediata.

 

Pasqualina Straface

Qui di seguito il testo.

Premesso che:

  • in data 17/05/2017 è stato stipulato un protocollo d’intesa tra il Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti, Rete Ferroviaria Italiana S.p.A. e Regione Calabria avente ad oggetto “Adeguamento e velocizzazione Linea Ferroviaria Jonica” finalizzato alla realizzazione di interventi infrastrutturali e tecnologici destinati ad aumentare la capacità del servizio ferroviario nell’ambito di un più generale progetto di forte sviluppo della rete ferrata regionale sia in termini qualitativi che quantitativi;

  • nello specifico, il protocollo d’intesa, alla luce dell’interlocuzione avviata dalla Regione Calabria con il Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti nell’ambito, tra l’altro, della programmazione delle risorse del FSC 2014/2020 “Potenziamento della Linea Ferroviaria Jonica. Rango C. Infrastruttura LARG. Integrazione urbana e intermodalità” e della conseguente Delibera CIPE n. 54 del 1° dicembre 2016 che ha approvato l’intervento denominato “Adeguamento e velocizzazione linea ferroviaria jonica – tratta Sibari/Melito Porto Salvo” per un importo complessivo di 307 M€ a cui si sono sommati 40 M€ da parte della Regione Calabria, con garanzia di rimborso da parte di RFI, per la soppressione dei passaggi a livello; 40 M€ da risorse dello Stato già assegnate a Rete Ferroviaria Italiana S.p.A. ed ulteriori 90 M€ riallocati dal Ministero delle Infrastrutture sulla tratta ferroviaria jonica, prevedeva il:

  • completamento dell’istituzione del Rango di velocità “C”;

  • la soppressione di alcuni passaggi a livello presenti in punti particolarmente critici;

  • il rinnovo con velocizzazione dei deviatoi;

  • l’installazione di barriere antirumore;

  • il rinnovo di binario ove necessario;

-la rifunzionalizzazione ed il rinnovo delle stazioni con particolare attenzione a quelle con maggiore traffico;

  • nel giugno 2018, sono iniziati, tra gli altri, nell’ambito degli interventi progettuali citati, anche i lavori per l’elettrificazione della tratta ferroviaria jonica Sibari-Catanzaro Lido che hanno previsto la realizzazione di plinti e posa in opera di pali per la trazione elettrica e la sostituzione dei binari rendendo, di fatto, questa linea ferrata più performante ed efficiente tanto da permettere la futura circolazione di materiale rotabile moderno;

Rilevato che:

  • a seguito di numerose vicissitudini burocratiche, si è registrato un rallentamento nel cronoprogramma dei lavori che ha determinato, anche, un’interruzione degli stessi tanto da richiedere il commissariamento dell’opera da parte del Governo nazionale che è avvenuto con il DPCM 5 agosto 2021 con la nomina dell’Ing. Roberto Pagone, dirigente di Rete Ferroviaria Italiana, a cui è stato affidato il compito di portare a termine l’elettrificazione della tratta Sibari – Catanzaro Lido entro il 2023;

Preso atto che:

  • la Regione Calabria, attraverso il Dipartimento regionale dei Lavori Pubblici, ha giustamente contestato, in via formale, i ritardi attuativi del progetto, causati, tra gli altri, dal fermo dei lavori tra Sibari e Corigliano, a causa della presenza di vincoli paesaggistici, successivamente autorizzati dalla Soprintendenza dei Beni culturali, chiedendo, al contempo, un riallineamento del cronoprogramma dei lavori anche in considerazione dei recenti sviluppi normativi che consentono semplificazioni nell’iter autorizzatorio per i progetti finanziati con fondi PNRR, fondi europei e FSC nonché la fissazione di incontri diretti ad individuare eventuali criticità e conseguenti soluzioni;

Ravvisato che:

  • in questi ultimi mesi, alcune associazioni che si occupano delle problematiche connesse al trasporto ferroviario in Calabria hanno sottolineato i ritardi dei lavori di elettrificazione della linea jonica e le conseguenti carenze derivanti al servizio, sottolineando la necessità di vincolare RFI al rispetto di un cronoprogramma più stringente ed individuando alcune soluzioni che potrebbero andare nella direzione di risolvere i problemi più immediati come quella della messa sotto tensione, che potrebbe avvenire in tempi brevi, vista la presenza di sottostazioni elettriche, del tratto di circa 26 km tra le stazioni di Sibari, Corigliano e Rossano garantendo quindi l’avvio del servizio ferroviario elettrificato su questo tratto di rete;

  • sarebbe opportuno che RFI, su impulso della Regione Calabria, valutasse anche questo tipo di soluzioni dal punto di vista tecnico e, se fattibili, garantisse l’adozione di opportuni interventi che vadano nella direzione di fornire il tipo di soluzione prospettata;

  • questa soluzione permetterebbe, tra l’altro, il prolungamento della tratta ferroviaria del Frecciargento Sibari – Bolzano fino alle stazioni della Città di Corigliano-Rossano, dando, di conseguenza, un primo e concreto segnale di riconoscimento della sua importanza, nel contesto regionale, alla terza città della Calabria che ha necessità di risposte sempre più concrete anche su questo versante;

  • con tale ipotesi, diventerebbe, ancora più appetibile il servizio del Frecciargento in quanto si attesterebbe su un bacino di utenza sicuramente più ampio;

SI CHIEDE

quali iniziative intenda realizzare al fine di intervenire per rendere fattibile un intervento che, in attesa del più generale completamento dei lavori di elettrificazione in corso sulla linea jonica, che continuano ancora a scontrarsi con difficoltà di ordine tecnico, così darebbe un segnale di attenzione forte verso il comprensorio e la città di Corigliano-Rossano

Consigliere Regionale On. Pasqualina Straface

comunicato stampa

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *