Inaugurato Dipartimento Cultura e Identità



Si è tenuta ieri, 20 ottobre, a Gioia Tauro, la prima riunione plenaria del Dipartimento regionale Cultura e Identità dei Fratelli d’Italia AN.
Alla presenza del Portavoce regionale, Ernesto Rapani e dei cinque Portavoce provinciali, è stato ufficialmente presentato il Dipartimento e  confermata la nomina di Nino Spirlì a Coordinatore regionale dello stesso.

“Il Dipartimento Cultura e Identità entra a far parte del Direttivo regionale dei Fratelli d’Italia. E, nel contempo – dichiara Ernesto Rapani – da inizio ai propri lavori. Il Coordinatore e i Responsabili provinciali e di Area stanno già preparando un format che possa valere per tutto il territorio regionale. E che servirà ad evidenziare l’alto profilo culturale e identitario della nostra Storia, oltre che renderlo fruibile a tutto il popolo calabrese. Senza contare le reali prospettive di lavoro”. alla fine della popolata riunione, alla quale hanno partecipato non solo i dirigenti del partito arrivati dalle cinque provincie, ma anche i componenti il dipartimento finora designati, pronti a prestare la propria opera all’interno del Dipartimento.

Dipartimento Cultura e Identità, le dichiarazioni di Spirlì

Per Nino Spirlì “essere calabresi significa portare in sé una treccia di più identità amorevolmente unificate dal tempo. Essere calabrese è nascere Arbereshe, Greco, Grecanico, Occitano, Ebreo, Italo e Bruzio, ma sentirsi, in primis, Calabrese. Portarne dignitosamente e con orgoglio le insegne in giro per il mondo, celebrare come fossero parenti Cassiodoro e Pitagora, Alvaro e Manfroce, Campanella e Telesio, Luigi Razza e Francesco Cilea e i mille e mille Letterati e Artisti, Scienziati e Giuristi, Santi e Liberi Pensatori che, nei secoli, hanno arricchito il forziere dei tesori umani di questa meravigliosa Terra di Calabria. Noi del Dipartimento Cultura e Identità, questo Tesoro, lo vogliamo presentare alle giovani generazioni, che convinceremo a restare in Calabria, e ricordare agli anziani, grati del loro lavoro e del loro coraggio”.

Potrebbe interessarti anche: Festa tricolore regionale, Rapani: Qualificata e partecipata

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.