Giornata FAI nel centro storico di Corigliano. Visita alla chiesa di Sant’Anna



Corigliano Rossano – Nel solco della valorizzazione e riscoperta del patrimonio storico, artistico e culturale del nostro territorio, il Gruppo FAI di Rossano – Delegazione di Cosenza -, prosegue la sua attività aprendo le porte della Chiesa di Sant’Anna in quel di Corigliano centro storico, gentilmente messa a disposizione, nella giornata di domenica 28 luglio – a partire dalle ore 19 -, dal Padre Superiore Francesco Di Turi.

L’evento sarà l’occasione per consentire ai nostri concittadini una visita guidata della Chiesa – nota anche come Chiesa dei Cappuccini -, con la gradita collaborazione e consulenza storico-artistica di Don Santo Aquilino e dell’Arch. Antonio Aprelino.

Come in ogni altro evento FAI, anche stavolta lo scopo che il Gruppo FAI di Rossano si prefigge sarà quello di raccontare e far conoscere la storia e le bellezze dei preziosi dipinti e affreschi, delle ricche decorazioni e importanti  sculture e di tutto il patrimonio artistico conservato nella Chiesa di Sant’Anna.

Perché riteniamo che solo attraverso la conoscenza si possa realmente riscoprire la memoria storica delle nostre radici, per imparare ad amare, prendersi cura e tutelare le bellezze del nostro territorio e perché ci auguriamo che ciò possa anche essere da stimolo per le nuove generazioni, in una ideale continuità e sintesi tra ciò che abbiamo ereditato dal passato e le sfide che nel prossimo futuro saremo chiamati ad affrontare.

Nel corso della serata, successivamente alla visita guidata della Chiesa di Sant’Anna, i partecipanti potranno poi intrattenersi nel caratteristico e suggestivo sagrato della Chiesa dove, per l’occasione, il maestro Alessando Castriota Scanderbeg esiguirà le Musiche sul Sagrato – prendendo appunto spunto dalla cornice dell’evento -, con la possibilità anche di degustare un aperitivo messo a disposizione in collaborazione con il Gallery Cafè.
Ricordiamo che, durante l’evento, sarà possibile iscriversi al FAI e rinnovare le tessere scadute (Comunicato stampa). 

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.