Corteo contro il megalotto Roseto-Sibari, lotta ai cementificatori

Noi di R.A.S.P.A. abbiamo sempre creduto che ai bevitori di passato morto, i fascisti per intenderci, corrispondesse la posizione diversa e uguale dei bevitori di morto avvenire, ovvero degli sviluppisti e della loro retorica da quattro soldi, dei cementisti, se si preferisce. Abbiamo così finito per propendere per una terza strada: quella che conduce a un futuro sobrio, tranquillo, naturale.

Èper questo che abbiamo accolto con entusiasmo la proposta formulataci da Coldiretti di aderire alla manifestazione contro l’attuale tracciato del 3° Macrolotto della s.s. 106che si è tenuta sabato, 21 luglio 2018, tra Trebisacce e Villapiana. Un presidio e un corteo che hanno voluto ribadire agli indefessi sindaci e agli sciacalli duri di comprendonio come R.A.S.P.A. continuerà a opporsi a questa idea di strada, a questo progetto (impresentabile tanto sul piano tecnico, quanto sul piano politico), vomitato da chi ha fatto della monocultura del cemento e dello sviluppo distorto i cardini del superpotere e del sottosviluppo che regolano da troppo tempo le nostre terre.

Percorrendo la 106 bis, prima, e, poi, la malandata 106 di fattura mussoliniana, i nostri trattori hanno sottolineato quanto una strada ben fatta sia necessaria; eppure, con ancor maggiore veemenza, hanno messo in evidenza quanto sia stupido e cieco continuare mafiosamente a osteggiare la proposta di un raddoppio della sede stradale esistente. I nostri trattori hanno messo in evidenza, ed evidentemente ce n’era bisogno, quanto sia vano continuare ad asserire che la nostra proposta sia mossa da interessi particolari. R.A.S.P.A. è ben altro e se ne duole anche chi tenta maldestramente di delegittimarci.

Insieme alla delegittimazione sempre arriva la violenza. R.A.S.P.A. si chiede quando e in che modo colpirà quest’ultima. Da tempo sono comparsi il ricatto e la trappola della speranza, il sonno della ragione, insieme alle corte vedute e alla mediocrità culturale e imprenditoriale di chi propone uno sviluppo distorto per riempirsi bocca e tasche.

R.A.S.P.A., ancora una volta, insieme a Coldiretti e ad altri comitati di liberi cittadini, ha chiesto la revisione di un progetto che, al di là dei suoi limiti tecnici, è uniformato a quella logica colonialista e globalizzata che ha condotto la Calabria e, in particolare, l’alto Ionio esattamente nel punto in cui si trovano. Tuttavia, desideriamo rassicurare tutti: la terza via di R.A.S.P.A., la proposta di una strada commisurata alle effettive esigenze del nostro territorio, non teme rassegnazione e, per quanto sia sobria e tranquilla, sarà sempre, in barba agli sciacalli e ai corrotti, moralmente all’attacco. Fa piacere segnalare che, in questa medesima direzione, hanno dichiarato di muoversi i parlamentari pentastellati presenti il 21 luglio sul presidio ma, già da tempo, orientati lungo il solco che stiamo tracciando. (comunicato Raspa)

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.