Corigliano-Rossano, tonnellate di fanghi industriali smaltite illecitamente: sequestrata un’azienda di laterizi

I militari del Gruppo Carabinieri Forestale di Cosenza hanno dato esecuzione a un’ordinanza di applicazione di misura cautelare personale, emessa dal giudice per le indagini preliminari del Tribunale di Catanzaro, su richiesta della Procura della Repubblica Direzione distrettuale antimafia di Catanzaro, nei confronti di due soggetti, per il reato di attività organizzate per il traffico illecito di rifiuti, riguardante in particolare il territorio di Corigliano-Rossano.

Contestualmente nei confronti di una società, operante nella produzione di laterizi, con sede nell’area urbana di Corigliano-Rossano, è stato eseguito il sequestro preventivo dell’intero compendio aziendale.

paludi
La complessa attività di indagine, che trae origine da una denuncia presentata ai carabinieri forestali, è stata svolta dal Nucleo investigativo di Polizia ambientale agroalimentare e forestale di Cosenza, e si è avvalsa dell’attività tecnica supportata da una minuziosa attività di riscontro documentale e dalle classiche attività di pedinamento.

Sarebbero stati accumulati sui terreni di pertinenza dell’azienda 18.884 tonnellate di fanghi di origine industriale, provenienti da aziende con sede nelle regioni Campania, Valle d’Aosta, Basilicata, Calabria, Lazio, Emilia Romagna, Abruzzo e Puglia, scaricando 623 cassoni colmi di fanghi per un totale di 491 trasporti. I fanghi in arrivo, anche privi delle caratteristiche chimico-fisiche imposte dalla normativa tecnica e di odore sgradevole, anziché essere trattati per ottenere dal materiale conferito la “ecoargilla”, erano mescolati direttamente con altri fanghi precedentemente conferiti e con minimi quantitativi di argilla, e quindi smaltiti sui terreni a fondo naturale dell’azienda.

L’ingente quantitativo di rifiuti smaltito ha determinato una modifica della morfologia creando importanti rialzi. Le attività investigative hanno permesso di stimare un incasso superiore al milione di euro annuo per il conferimento dei fanghi. Il procedimento per l’ipotesi di reato è attualmente nella fase delle indagini preliminari. (fonte cosenzachannel.it)

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *