Corigliano-Rossano. Massima l’attenzione dell’ente  comunale rispetto ai torrenti

CORIGLIANO-ROSSANO, 31 agosto 2022 – Come già precisato nel comunicato dello scorso 10 agosto – https://bit.ly/3AykNC1 – è massima l’attenzione dell’ente comunale sui torrenti, continuo il monitoraggio e le richieste di intervento che esulano la manutenzione ordinaria.

Questo riguarda il Coriglianeto, come il Grammisato ed altri impluvi.

torrente

Il settore Ambiente del Comune di Corigliano-Rossano, la Protezione Civile e il Primo Cittadino nel corso del tempo, hanno più volte sollecitato interventi che esulano l’ordinario per via della incuria ultraventennale che ha interessato gli alvei, e che costringono l’ente ad interventi di urgenza come avvenuto nella parte bassa del Grammisato (Cino piccolo).

È fatto ormai noto, più volte comunicato ufficialmente, che non è sufficiente una pulizia di vegetazione infestante poiché è necessario sradicare veri e propri arbusti presenti nell’alveo ed in altri tratti rinforzare gli argini o ripararli, a garanzia della sicurezza dei luoghi e delle persone ed è per questo che, senza mai trascurare un costante monitoraggio, soprattutto durante condizioni di meteo avverse, e provvedendo a sopralluoghi ripetuti ed alla ordinaria, ovvero, piccola manutenzione, si continua a chiedere l’intervento della Regione, di Calabria Verde e del Consorzio di bonifica.

Nelle more della sottoscrizione della convenzione annuale con Calabria Verde, che ci è stata sottoposta soltanto l’11 agosto ed in riscontro ad un sollecito del Sindaco, con l’avvicinarsi della stagione delle piogge, si auspica in interventi di eliminazione degli “accrescimenti vegetativi” e materiale sedimentato che come specificato nell’allegato esplicativo della DGR n. 301 del 2013, esula dalla ordinaria manutenzione.

È del 22 agosto la nota della protezione civile regionale che ricorda agli enti preposti le loro competenze, e sottolinea che tra le funzioni della Regione rientra il finanziamento degli interventi di “tutela delle risorse idriche e dell’assetto idraulico”, senza i quali è impossibile per l’ente comunale eseguire importanti e risolutivi interventi necessari alla prevenzione del rischio idrogeologico. Ai comuni spettano interventi di piccola manutenzione, salvo le competenze dei consorzi di bonifica, ed il pronto intervento, oltre che le opere a difesa del suolo (prevenzione di eventi franosi).

Si auspica in una piena contezza da parte della regione su quanto segnalato innumerevoli volte affinché si investano risorse di cui i comuni possano usufruire per opere di sbancamento di sedimentazioni e vegetazione oltre che di profilatura degli argini.

«Probabilmente, piuttosto di cercare di scaricare responsabilità sui Comuni per ragioni puramente partitiche e senza alcun fondamento amministrativo – commenta il sindaco Flavio Stasi – chi occupa ruoli istituzionali in Regione dovrebbe iniziare a svolgere il proprio dovere, ovvero iniziare a preoccuparsi di far funzionare un minimo gli apparati di competenza regionale che, in particolare sul dissesto idrogeologico, sono totalmente immobili ed assenti sul nostro grande territorio»

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.