Corigliano-Rossano in Azione , Madeo: “La Legge si rispetta, sulle Scuole si sono espressi il Ministero, L’Unicef, i Pediatri e il Tar”

Francesco Madeo (Consigliere comunale)

Non avrebbe avuto alcun senso riaprire le scuole 14 giorni prima delle festività natalizie, su questo concordiamo con il Sindaco, dopo mesi di chiusura totale, dopo mesi di un percorso formativo a singhiozzo dei bambini, dopo mesi di violazione della parità di genere, perché la chiusura delle scuole colpisce anche le mamme lavoratrici, sarebbe stato inutile portare avanti misure scientifiche che fino ad oggi si sono ignorate, però lo dice il Tar, acronimo di Tribunale Amministrativo Regionale, come vorremmo ricordarle.
Sindaco la legge si rispetta, non si usa per coprire le vostre inadeguatezze amministrative.
Ma il Tar non sa che nonostante il Ministero abbia inviato alla nostra Città le risorse economiche per mettere in sicurezza le scuole non lo avete fatto. Come Amministrazione vi siete ricordati dell’esistenza del problema a fine Agosto praticamente quando non c’era più il tempo per eseguire i lavori.
Il Tar non può immaginare che numerose scuole materne che dovevano essere interessate dai lavori di messa in sicurezza non hanno le stanze anti-covid, che questa Amministrazione non ha creato.
Il Tar non può sapere che si è preferito impegnare somme ingenti per eventi ludici inutili, in questo periodo storico, invece di investirle nel potenziamento del trasporto scolastico.
Avete scelto di scaricare il problema sulle famiglie che in questo momento sono ancora più deboli e soffrono maggiori problemi, sia economici che sociali.
Ma il Tar non è impazzito come non è impazzito il Ministero, che supportato da una Commissione di esperti, detta le linee guida Regione per Regione. Il Tar non può sapere che l’Amministrazione Comunale non è stata in grado in 9 mesi di intervenire in modo scientifico sulle strutture scolastiche. Il Tar non può sapere che il lock down piace ai Sindaci incapaci di risolvere le reali problematiche della nostra Città.
Ma guardiamo la scienza, guardiamo cosa dicono gli esperti Sindaco, non la Sua Amministrazione che non è stata in grado di scavare i pozzi comunali su falde acquifere potabili questa estate.
Il corona virus non è e non sarà un fenomeno episodico, questo è chiaro a tutti, e sia L’Unicef che la Società Italiana dei Pediatri chiedono la riapertura delle scuole per tutelare maggiormente la salute psicofisica dei minori interessati da forti fenomeni di quarantena sociale e culturale. (qui riportiamo i link sui quali trovare le informazioni utili https://unric.org/it/covid-19-linee-guida-per-la-riapertura-delle-scuole-unicef-unesco-banca-mondiale-programma-alimentare-mondiale/    https://www.sitip.org/covid-19/news-covid/370-il-ruolo-dei-bambini-nella-diffusione-del-covid-19-protagonisti-o-spettatori ).
“I bambini vengono visti come dei pazienti normali, come fonte di malattie e contagi, facendoli rientrare nella fredda casistica medica”, questa è una forte preoccupazione delle due organizzazioni. Tralasciando il fatto che i bambini in casi di normalità, quindi lontani dalle misure di sicurezza che dovrebbero essere abbondantemente presenti all’interno degli istituti scolastici, si ammalano per il 5% e trasmettono il virus per il 5% dei casi, dati fornitici dalla stessa SIP (Società Italiana di Pediatria), resta il fatto che non possono essere trattati come dei pazienti normali e necessitano di maggiori attenzioni.
Fino dal mese di Aprile, L’Unicef, ha chiesto energicamente la riapertura delle scuole, ovviamente in sicurezza, pubblicando anche delle linee guida che consentono la riapertura scolastica, che l’Amministrazione Comunale ha puntualmente ignorato nonostante avesse le risorse economiche per farlo.
In tanti diranno: “manca il tracciamento”, invece vi diciamo che leggendo le parole del Sindaco, pubblicate quotidianamente su Facebook, non è così. Il nostro Sindaco scrive che il laboratorio di Rossano può processare 200 tamponi al giorno, per la nostra Città, che sono 6000 tamponi al mese. Abbiamo insomma la capacità di tamponare quasi il 10% della popolazione cittadina ogni mese. Contando che il covid-19 ha una incidenza sulla popolazione del 2-3% circa abbiamo abbondantemente risolto il problema del tracciamento. Questi dati potete tranquillamente trovarli sulla pagina “facebook” del nostro Primo Cittadino.
Siamo tra i pochissimi Comuni che hanno scelto di chiudere le scuole in Italia, nonostante non avessimo tante complicanze nella riapertura rispetto a molte altre zone della penisola, ma non abbiamo avuto un miglioramento dei casi paragonati ai nostri vicini. Per essere ancora più sicuri magari possiamo intervenire sul sistema dei trasporti o sulle modalità di ingresso all’interno delle strutture scolastiche.
Abbiamo chiuso le scuole, di qualsiasi grado e qualsiasi genere e abbiamo lasciato aperte le ludoteche. I bambini si stanno incontrando in ludoteche, per studiare e socializzare, ricevendo una qualità inferiore in sicurezza e istruzione, rendendo ancora più difficile il tracciamento. Facciamoci due conti.
A questo aggiungiamo la preoccupazione, che abbiamo manifestato da Aprile al Sindaco, che condivide anche l’Unicef, delle difficoltà sociali, economiche e infrastrutturali della DAD (Didattica A Distanza) e del divario culturale, sociale ed economico che porterà con se.
Non è per caparbietà o per una semplice presa di posizione Sindaco, ma se non interveniamo immediatamente, come Amministrazione, per Gennaio, i Bambini pagheranno un altissimo prezzo sul loro futuro.
Se non siete capaci dimettetevi.
Francesco Madeo
Consigliere Comunale Gruppo Corigliano-Rossano in Azione
comunicato stampa

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.