Corigliano Rossano, i pescatori della marineria di Schiavonea incrociano le braccia |VIDEO

In linea con tutte le marinerie italiane, anche quella corposa di Schiavonea ha deciso di incrociare le braccia. I pescatori sono esasperati dalla condizione di crisi aggravate dalla guerra e in particolare del caro gasolio e dell’aumento delle materie prime. Un pieno di carburante corrisponde a circa 800 euro, e le spese superano decisamente le entrate.

Lo sciopero potrebbe proseguire per più giorni se non arriveranno notizie circa la necessità di riconoscere un bonus a una categoria oggi in ginocchio. La decisione di raccogliersi in protesta segue le direttive nazionali dell’Associazione produttori Pesca che ha deliberato per lo sciopero nel corso dell’Assemblea tenuta a Civitanova Marche. Su posto si è portata la senatrice Rosa Abate che ha già segnalato al sottosegretario del Ministero dell’Agricoltura la drammatica situazione. «Sto sostenendo da sempre le loro richieste perché la situazione è diventata totalmente insostenibile e le spese stanno di gran lunga superando i guadagni che i marinai di Schiavonea riescono a sostenere. Porterò anche stavolta la voce dei pescatori al Governo e in Commissione Agricoltura al Senato perché si prendano al più presto provvedimenti altrimenti si rischia il blocco del settore ittico, fondamentale per tutta l’economia della Sibaritide».

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *