Corigliano Rossano. Evento con Don Ciotti, Novellis: Ottima rete contro devianze

Corigliano-Rossano – Educare alla prossimità per contrastare il fenomeno delle devianze. Arginare le povertà, da declinare al plurale e che in quanto tali richiedono lo sforzo e la sinergia di più attori per fronteggiare le varie emergenze che non riguardano la sola sfera dell’indigenza materiale, ma anche la miseria di valori, di principi e di affetti familiari. Raccogliere il testimone e farsi interpreti in prima persona del messaggio e dell’esempio di Don Luigi Ciotti. Porre al centro e rendere protagonisti i ragazzi, attraverso i quali leggere ed intervenire sui bisogni della comunità.

Ad esprimere soddisfazione a nome del Sindaco Flavio Stasi per la sinergia creatasi intorno al progetto “Povertà: tra indifferenza e desiderio di riscatto”, che mette insieme l’Arcidiocesi, l’Amministrazione Comunale e le scuole secondarie di secondo grado cittadine è l’assessore alla Città della cultura e della solidarietà Donatella Novellis che ne sarà coordinatrice.

Creatività, partecipazione, bisogni ed esigenze sono le coordinate del progetto rivolto alle scuole che entro lunedì 17 febbraio indicheranno i propri referenti e che metteranno poi nero su bianco, facendosi testimoni di legalità, idee e proposte. Il percorso è stato illustrato nei giorni scorsi nell’Episcopio di Corigliano – Rossano alla presenza, tra gli altri, dell’Arcivescovo Giuseppe Satriano, promotore dell’iniziativa e dei dirigenti scolastici Antonio Pistoia e Alfonso Costanza.

Aspettando il 16 aprile. Un punto di partenza per un cammino comune e non di arrivo. È stata pensata così la tappa a Corigliano-Rossano di Don Ciotti, ispiratore e fondatore dell’Associazione Libera contro i soprusi delle mafia e prima ancora del Gruppo Abele, d’aiuto ai tossicodipendenti e alle dipendenze varie, da tutti riconosciuto come il Prete della strada, per il suo approccio alla vicinanza e alla prossimità degli ultimi.

L’appuntamento – aggiunge la Novellis – dovrà rappresentare, quindi un’ulteriore opportunità di riflessione e crescita sulle progettualità e sulle competenze emozionali che in queste settimane gli studenti delle classi terze e quarte delle scuole di secondo grado svilupperanno e porteranno sul tavolo del confronto. Confronto non con il personaggio, ma con l’uomo, la persona Don Ciotti (Comunicato stampa).

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.