Corigliano Rossano. Elezioni, Caputo:”Faccio mio l’appello dell’Arcivescovo”



lavoro

L’intero percorso verso la fusione e quello della costruzione e del consolidamento della città unica necessitava ieri e necessiterà ancora per il futuro di doverosi e normali tempi lunghi. Non era un mistero alla vigilia del referendum. Non è fuori luogo ribadirlo ed esserne consapevoli a pochi mesi dalle prime elezioni amministrative di CORIGLIANO ROSSANO. Non v’è pertanto alcun motivo di gridare quasi allo scandalo rispetto alla serena e legittima riflessione manifestata nei giorni scorsi dall’Arcivescovo di ROSSANO-CARIATI, Mons. Giuseppe SATRIANO.

 È quanto dichiara Giuseppe CAPUTO, già Sindaco dell’originaria Città di ROSSANO che coglie anzi tutto l’occasione per ringraziare l’Arcivescovo. Per la qualità dei contenuti e l’assoluta buona fede – dichiara – con le quali egli ha inteso esortare ancora una volta senza infingimenti la nuova e grande comunità di cui siamo cittadini a riempire di autentico protagonismo civico e di progettualità a medio e lungo termine un traguardo che non soltanto è di tutti e non di pochi ma che era e resta culturale prima ancora che istituzionale o semplicemente di natura burocratica.

Chiamare in causa la Chiesa e la Diocesi – continua – attribuendo addirittura all’Arcivescovo improbabili posizioni e pressioni in vista dell’elezione del primo Sindaco e del primo consiglio comunale della Città unica appare anzi tutto una forzatura grave e poco elegante. Ma dimostra anche che non è stata colta l’esigenza di fondo di cui sono intrise le parole dell’Arcivescovo e che presuppongono una concezione ed una visione di tutti i fenomeni e le costruzioni sociali, inclusa la fusione, aperta e complessa e non circoscrivibile o interpretabile con i paraocchi.

Il futuro deve ritornare ad essere speranza e la speranza non deve incutere timori ma diventare operosa a fin del bene comune. Condivido e faccio mio questo appello dell’Arcivescovo.

E lo faccio perché – aggiunge – che vi sia necessità ed urgenza di porre al centro del confronto sociale e politico sulla Città unica che è tutta ancora da costruire, dal governo delle sue emergenze a quello delle sue opportunità è una evidenza così forte e dirompente che non dovrebbe scandalizzare nessuno. Anzi essa dovrebbe stimolare tutti, senza spocchia, stantie primogeniture né sciocchi atteggiamenti autoreferenziali, a rendersi semmai più umile e disponibile anche soltanto a capire che forse un vuoto progettuale si sente.

E se si sente – prosegue l’ex Sindaco – il problema non è certo l’Arcivescovo che se ne fa interprete e lo pone all’attenzione dell’opinione pubblica. Serve senza dubbio un rilancio dell’entusiasmo sociale e cultuale e della proposta progettuale, anche a supporto dell’organo commissariale. E, così come ha fatto bene a sottolineare Mons. SATRIANO, serve soprattutto comprendere che la sfida della nuova Città, che richiede sì spirito di servizio ma anche capacità, determinazione ed esperienza, non è soltanto la scommessa di CORIGLIANO ROSSANO ma – conclude CAPUTO – quella dell’intero territorio, a partire dalla rete di borghi nell’entroterra che possono e devono rappresentare il valore aggiunto del maggiore potere contrattuale della nuova realtà urbana dei prossimi anni. (comunicato stampa)

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.