Corigliano Rossano. Buca killer, la morte di Federico Feraco. In 4 a giudizio

cariati

Il Tribunale di Castrovillari

Corigliano Rossano –  Si andrà a processo per la tragica morte dell’allora 15enne Federico Feraco, drammaticamente coinvolto in un incidente stradale nella centralissima Via Nazionale dell’ex Comune di Corigliano. Il tutto a causa di una buca killer, né segnalata né delimitata. La vittima era a bordo della sua montain bike quando d’un tratto la ruota anteriore sprofonda nella buca. Violento l’impatto: l’adolescente perde la vita sul colpo. Per i sanitari non ci fu nulla da fare. Tutto questo accadde nell’estate di due anni fa.

In quattro finiscono nelle maglie della giustizia, devono rispondere a vario titolo di vari reati tra cui  l’omicidio colposo. Tutti rinviati a giudizio. Si tratta del responsabile dell’ufficio manutenzione  ( F.D.), del responsabile unico del procedimento ( F.B.), del direttore dei lavori (C.G.), del titolare della ditta esecutrice dei lavori ( T.D.). Il pubblico ministero aveva chiesto il non luogo a procedere. Per il Giudice invece si andrà a dibattimento. Prima udienza fissata per il 6 maggio 2020.

La famiglia Feraco si è costituita parte civile. Ha affidato l’incarico legale all’avvocato Pasquale Pastorino, del Foro di Salerno, cassazionista, tra l’altro presidente dell’associazione “Tutela delle vittime stradali”.

Potrebbero interessarti anche...

Lascia commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *