Corigliano Rossano. Auto in doppia fila davanti al bar esenti da multe, Udicon: stesso trattamento su intera città

CORIGLIANO-ROSSANO (Cs), martedì 10 gennaio 2023 – Parcheggi selvaggi, non ci sarebbe nulla di strano, sarebbe anzi da plaudire l’attività di controllo della polizia municipale e degli ausiliari del traffico, se solo questa non si concentrasse in alcuni punti della città, a discapito di altri. È uno strano fenomeno quello che si registra a Corigliano – Rossano, in particolare allo scalo dell’area urbana di Rossano: le auto parcheggiate in doppia fila in prossimità di bar e rotatorie non vengono sanzionate; quelle che stazionano magari per pochi minuti in prossimità delle agenzie di disbrigo pratiche, spesso frequentate da persone anziane o da utenti che provengono dall’hinterland, invece, sì.

polizia municipale

 

È quanto denuncia Ferruccio Colamaria, presidente dell’Udicon provinciale di Cosenza sollecitando l’Amministrazione Comunale a voler prendere in seria considerazione la possibilità di prevedere parcheggi a pagamento, innanzitutto per correggere l’inciviltà di tanti e soprattutto evitare che nella stessa città si creino zone franche per soste selvagge ed indisturbate e zone di autentico tiro a segno da parte della polizia municipale con il solo obiettivo di fare cassa, a tutti i costi.

Succede solo qui. Nessuno dice niente delle auto in doppia fila o parcheggiate a spina di pesce dove si dovrebbe, invece, parcheggiare in linea con il marciapiede. Nessuno si accorge che queste occupano la carreggiata, impediscono agli automobilisti di avere piena visibilità della strada, rappresentando soprattutto per i pedoni una seria minaccia all’incolumità.

Senza nessuna ipocrisia o attitudine al facile consenso – aggiunge Colamaria – chi amministra la Città di Corigliano – Rossano dovrebbe guardare a piccoli e grandi centri della Calabria organizzati con i parcheggi a pagamento e strisce blu, così da impedire che si faccia cassa in modo scriteriato sui cittadini.

comunicato stampa

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *