Commissioni d’accesso nei Comuni di Corigliano e Cassano Ionio

Commissioni d’accesso nei Comuni di Corigliano Calabro e Cassano allo Jonio. La decisione giunge dal Prefetto di Cosenza Gianfranco Tomao, che nell’ambito dei poteri di accesso e di accertamento di cui all’art. 1 comma 4 del D.L. 629/1982, convertito con modificazioni dalla legge 726/1982, ed integrato dalla legge 486/1988, delegati dal Ministro dell’Interno, ha nominato le commissioni incaricate di accertare la sussistenza di eventuali tentativi di infiltrazione mafiosa nelle due amministrazioni comunali, così come informa un comunicato della Prefettura di Cosenza. “La commissione d’accesso per il Comune di Cassano allo Jonio – si legge – è composta dal Viceprefetto Aggiunto, dott. Vito Turco, dal Capitano dell’Arma dei Carabinieri, dott. Francesco Barone e dal Funzionario Ingegnere del Provveditorato Interregionale Opere Pubbliche Sicilia e Calabria, dott. Francesco Trecroci. La commissione d’accesso per il Comune di Corigliano Calabro – continua la nota – è composta dal Viceprefetto, dott. Filippo Romano, dal Dirigente in quiescenza del Ministero dell’Interno, dott. Antonio Scozzese e dal Sottotenente della Guardia di Finanza, dott. Giulio Tavanzo. L’attività di accertamento per entrambi i comuni – si precisa – avrà la durata di tre mesi prorogabili in caso di necessità di ulteriori tre mesi“.

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *