Cataldo Russo: “Le ragioni di un voto”



CATALDO RUSSO copia 3Qualche giorno fa, un bravissimo giornalista che si occupa di informazione politica, mi ha chiesto di fornirgli cinque buone ragioni per votare Algieri. Io, come è mia abitudine, sono partito da molto lontano e gli ho spiegato, in premessa, a mio giudizio, quale deve essere il profilo culturale, umano e l’esperienza personale del futuro candidato a sindaco.
Tutti sappiamo che è davvero difficile fare il sindaco di una cittadina come Corigliano, soprattutto in mancanza di adeguate risorse statali per cui, oggi, a differenza del passato, non basta essere una brava persona, ma è necessario avere anche competenze  manageriali ed una specifica personalità.
Io voterò Algieri e questo è ormai noto a tutti; non salgo su nessun carro, faccio politica anche fuori dal consiglio comunale e liberamente esprimo il mio pensiero e, soprattutto, le ragioni di questo voto. Al giornalista ho risposto molto volentieri: gli ho fornito tutte le ragioni per votare Algieri e le ragioni per non votare chi non ha un curriculum vitae adeguato alla sfida che dovrà affrontare il nostro Comune nel prossimo futuro.
Primo: Algieri ama davvero la sua Città, sostiene che deve tutto ai coriglianesi, al punto di sentirsi in obbligo con loro e di mettersi, a tempo pieno, a disposizione della comunità. Secondo: ha dimostrato di essere un ottimo amministratore in aziende che hanno un bilancio superiore a quello del nostro Comune; della onesta e del rispetto verso le istituzioni ne ha fatto il suo stile di vita. Terzo: ha un programma di sviluppo che metterà Corigliano al centro di una regione che deve necessariamente riscattarsi e che intende realizzare con il concorso di tutti, nessuno escluso e che, conoscendolo, lo realizzerà, costi quel che costi.
Quarto: ha una consolidata esperienza nella gestione delle risorse umane, quindi saprà far funzionare la macchina comunale, motore centrale, sia per la quotidianità, che per le questioni a medio/lungo termine con particolare  attenzione ai diritti dei cittadini. Quinto: ha buon gusto, ama le cose belle e vuole istituire un settore al decoro urbano, il che significa avere una Città più  gradevole in cui vivere. Potrei continuare e spiegare che sono davvero tante le ragioni di questa scelta, spero solo che i coriglianesi abbiano uno scatto di orgoglio e si possano convincere che vivere in una città più bella, ordinata e che produca tanto lavoro è ancora possibile.

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.