Cassano. Stalking, aggressione in centro. Scatta l’arresto

Cassano- 50enne, con precedenti penali alle spalle, in manette per lesioni personali e atti persecutori. Ad operare i militari della Tenenza di Cassano all’Ionio, durante un servizio perlustrativo esterno. Il tutto è accaduto nella centralissima Via Municipi. La pattuglia notano una feroce aggressione in atto da parte di un uomo nei confronti di una donna. La stessa era riversa a terra con il volto tumefatto e pieno di sangue, a poca distanza il responsabile del pestaggio, immediatamente fermato ed identificato.  L’uomo continua a minacciare di morte e urlare nei confronti della donna. Gli immediati accertamenti effettuati sul posto, anche sentendo diversi testimoni che avevano assistito alla terribile scena, acclarano che la vittima era l’ex compagna dell’aggressore, la cui relazione sentimentale è terminata pochi mesi addietro. Un rapporto durato per quasi quattro anni, ma improntato su continue violenze fisiche e verbali dell’uomo verso la compagna, tanto che la vicenda era tristemente nota ai Carabinieri locali, i quali avevano assunto dalla donna diverse denunce per atti persecutori ed avevano relazionato il tutto alla competente autorità giudiziaria, che aveva aperto un procedimento penale nei suoi confronti e le cui indagini preliminari si erano concluse proprio in questi giorni, per i reati di stalking e lesioni personali.

In ultimo la cruenta aggressione di ieri: la donna che era andata a trovare un parente, di ritorno a piedi verso casa è stata avvicinata da B.R.. Alla vista dell’uomo la donna cerca una disperata fuga, ma in poco tempo viene raggiunta dall’aggressore, che la prende per i capelli, la scaraventa a terra e dopo essersi seduto sulla stessa, la attinge al volto con diversi pugni. Solo il repentino intervento dei Carabinieri cassanesi impedisce più gravi conseguenze e permette di fermare l’uomo e soccorrere la donna. Quest’ultima è stata portata d’urgenza al pronto soccorso di Trebisacce, dove sono stati refertati 25 giorni di prognosi per le numerose ecchimosi e contusioni sul volto e sulla bocca.

L’uomo, invece, sulla base dei riscontri acclarati, nonché dei numerosi precedenti specifici commessi nei confronti della stessa donna, è stato arrestato per atti persecutori e lesioni personali, d’intesa con il magistrato di turno della Procura della Repubblica di Castrovillari, coordinata da Eugenio Facciolla e, dopo le formalità di rito, è stato tradotto presso la Casa Circondariale di Castrovillari.

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *