Caro gasolio. Pescherecci costretti a lavorare in perdita, si rischia il tracollo |VIDEO

Caro gasolio, pescatori in ginocchio. Ed ora ad aggravare la situazione il conflitto in Ucraina. Aumentano i costi di produzione del 40%, mentre il prezzo di vendita del pescato rimane bloccatoUna delle spese maggiori per le imprese che operano nel settore ittico è proprio il carburante. Il comparto era già stato colpito dalle condizioni climatiche poco favorevoli, ora però la situazione sta precipitando.

 

La marineria di Schiavonea colpita dalla crisi: aumentano drammaticamente i costi di produzione a causa del caro gasolio, ma ad aggravare la situazione la guerra in atto in Ucraina e le condizioni climatiche sfavorevoli. Chiesto l’aiuto del Governo. Prossima un’azione di protesta eclatante.

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *