Cariati. Istituto comprensivo, tablet per didattica a distanza

Nessuno escluso. Queste due semplici parole, che costituiscono uno dei cardini dell’azione formativa e culturale dell’Istituto Comprensivo di Cariati, sono più che mai importanti, in questo tempo di emergenza Covid-19, che con il decreto del Presidente Del Consiglio dei Ministri del 4 marzo 2020 e successive Ordinanze ha di fatto determinato la sospensione delle attività didattiche nelle scuole e all’avvio della Didattica a Distanza.

L’istituto cariatese, con la guida della Dirigente Agatina Giudiceandrea, oltre ad attivare le procedure relative alla didattica digitale, ha avviato diverse iniziative per favorire l’apprendimento a distanza di tutti i bambini e ragazzi, dalla scuola dell’infanzia, alla primaria, alla secondaria di primo grado.

Una di queste è l’assegnazione in comodato d’uso gratuito di tablet ad alunni e studenti sprovvisti della strumentazione necessaria, affinché possano usufruire di questa modalità di insegnamento-apprendimento attuata con dedizione e impegno dai docenti dell’Istituto, con il supporto delle famiglie, utilizzando anche i vari media per non far mancare la relazione umana che è sempre la base di ogni forma di educazione.

I primi 35 tablet sono stati assegnati secondo i criteri stabiliti dal Consiglio d’Istituto, riunitosi nei giorni scorsi in videoconferenza; altri 35 saranno assegnati in settimana, ma già, in base alle direttive del Miur, sono state attivate le procedure per l’acquisto di ulteriori dispositivi.

A consegnarli direttamente a casa degli alunni, nella mattinata del 18 aprile, sono stati i volontari di Croce Rossa, Protezione Civile, della Misericordia Scala Coeli, dell’Associazione E.R.A. e il responsabile della locale chiesa evangelica, i quali, sotto il comune slogan “Io ci sono”, collaborano con il Comune di Cariati e altre istituzioni per andare incontro ai bisogni dei cittadini in difficoltà, in questa  lunga fase di emergenza sanitaria. Il tutto, ovviamente, nel rispetto delle norme igienico-sanitarie previste dai Decreti.

“Tutti i nostri alunni – afferma la Dirigente Giudiceandrea –  devono essere messi nelle condizioni di fruire al meglio delle opportunità formative, siano esse in presenza o online. La consegna dei dispositivi – aggiunge – consentirà di superare, almeno in parte, le barriere ‘fisiche’, create dall’emergenza che stiamo vivendo, ovvero la difficoltà di accesso alla didattica  dovute a carenze strumentali, in modo che tutti possano continuare ad apprendere, sapendo che – conclude – la scuola è sempre vicino a loro e li accompagna anche in quest’esperienza di isolamento forzato”.

C’è comunque da aggiungere che l’Istituto Comprensivo di Cariati, come altre scuole italiane, stava già sperimentando la didattica digitale, affiancandola a quella tradizionale, in un progetto di innovazione didattica, più che mai utile e necessario in termini di offerta formativa, come in questo caso, ma anche di inclusione scolastica, che resta un diritto irrinunciabile.

Assunta ScorpinitiResponsabile Comunicazione IC Cariati

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.