Proteste Consorzio Trebisacce. Luvarà (Filbi): Auspichiamo un intervento della Regione

I lavoratori del Consorzio di bonifica Bacini Jonici hanno protestato questa mattina posizionandosi sul tetto della centrale idroelettrica di Corigliano Rossano. Rivendicano quattro mensilità. Riceviamo sulla tematica la dichiarazione del segretario regionale Filbi Calabria Andrea Luvarà

 

 

I lavoratori del Consorzio di bonifica Trebisacce tornano sui tetti per protestare per le troppe mensilità ancora non pagate. Dopo le iniziative avviate anche negli altri Consorzi della Provincia, emerge la drammatica situazione della bonifica in Calabria che attende, da troppo tempo, una riforma che possa mettere gli Enti in condizione di svolgere al meglio la propria attività.”

Lo dichiara il segretario regionale della Filbi Andrea Luvarà, in merito alla protesta in atto nel Consorzio di Bonifica dei Bacini dello Jonio Cosentino a causa della mancata erogazione delle mensilità ai lavoratori.

Auspichiamo che la nuova giunta regionale, appena nominata, e nello specifico l’Assessore Gallo, che già aveva avviato un percorso di rinnovamento per gli Enti, possa rispondere alle attese dei lavoratori, restituendo ai Consorzi un percorso di normalità e intervenendo da subito su ciò che non dovrebbe essere scontato: il pagamento delle retribuzioni! Ci attendiamo pertanto un impegno della Regione” prosegue Luvarà “che, nell’immediato, porti ad esercitare appieno il proprio ruolo di controllo per la corretta gestione degli Enti e per superare la piaga dell’evasione del tributo consortile. Al tempo stesso rimaniamo convinti dell’urgenza di una riforma che valorizzi l’attività della Bonifica e risolva l’annoso problema del riconoscimento dei crediti che i Consorzi vantano nei confronti della regione”.

Abbiamo fiducia che la nuova amministrazione regionale saprà affrontare da subito in maniera produttiva il tema dei consorzi anche perché i lavoratori non possono più attendere” conclude Luvarà.

segretario regionale Filbi Calabria Andrea Luvarà

comunicato stampa

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.