Bullismo, liceale aggredita: la Dirigenza prende posizione



Confermata l’aggressione, ma né coltelli né denuncia in procura. Decisa presa di posizione della Dirigenza dell’IIS Liceo scientifico-classico-linguistico-artistico di Rossano in relazione all’episodio di bullismo verificatosi di recente. Una vicenda  che, ribadisce il dirigente scolastico Adriana Grispo, si è consumata al di fuori della scuola e non ha fatto registrare, contrariamente a quanto si affermava nella missiva di denuncia inviata alle redazioni giornalistiche, la minaccia con un coltello.

“Una lite – afferma la prof.ssa Adriana Grispo – avvenuta al di fuori della scuola che ha visto coinvolte due alunne fino ad allora mai entrate in qualche conflitto o protagoniste di episodi che potessero destare il minimo allarme dentro e fuori dalla scuola. Il conflitto, seppur nella sua manifestazione esterna al contesto scolastico, ma, comunque ritenuto unanimemente grave, nato per futili motivi che non sono quelli resi nella notizia, è stato, nell’immediato,preso in carico dalla scuola che, in casi di questo genere,è tenuta ad avviare una serie di passaggi che sono mirati a ricomporre i conflitti attraverso una sana azione rieducativa, attraverso l’audizione di tutti i soggetti che possano dare un contributo alla ricostruzione attenta dei fatti e successive azioni, evitando giudizi sommari e gogne mediatiche.

Tale percorso è stato correttamente intrapreso dalla scuola ed è ancora in corso, senza nessuna banalizzazione dell’accaduto, attraverso colloqui da parte della dirigenza con le alunne interessate, i rispettivi genitori, i docenti collaboratori,  il coordinatore della classe, il consiglio di classe e l’intera comunità scolastica che è stata orientata, per la prossima assemblea di istituto, a riflettere ulteriormente sui regolamenti e le carte essenziali che sono alla base dei comportamenti della civile convivenza in seno alla scuola e fuori di essa.

A questo riguardo è utile informare che il polo liceale di Rossano, insieme ad altre 21 scuole del territorio nazionale, è destinatario di un Progetto Ministeriale, dal titolo “Occhio al web” che riguarda la prevenzione del bullismo e del cyberbullismo con la formazione di docenti ed alunni che, attraverso la “peer education”, apprendono l’uso di strumenti per operare in questa realtà che interessa tutte le comunità scolastiche e sociali. Giorno 7 febbraio si è tenuta a riguardo, nella scuola, un’importante manifestazione ampiamente riportata anche dai vostri canali informativi.

Nessuna minaccia con coltelli – ribadisce il dirigente scolastico – e nessuna denuncia alla Procura della Repubblica da parte dei genitori delle alunne coinvolte risultano veritiere alla luce delle ricostruzioni, né la classe si è resa corresponsabile di azioni di “vendetta” nei confronti delle proprie compagne”.

(fonte: comunicato stampa)

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.