Atti di bullismo, 20 enne rinviato a giudizio. A dicembre al via il processo

Tribunale di Castrovillari

Rinviato a giudizio M. P. di anni 20, accusato di atti persecutori. Presunta vittima D.P. il cui incubo inizia sull’autobus che i due di solito utilizzano  per recarsi all’istituto tecnico di Rossano nel 2013, anno in cui  M.P. inizia a vessare il malcapitato D.P. ogniqualvolta lo incontra, rivolgendo al suo indirizzo offese ed insulti molto gravi.  La vittima in un primo momento decide di non dare molta importanza a tali episodi,  cercando di tenerli nascosti, convinto in un ravvedimento di M.P.

Atto di prudenza mal ripagato. Infatti il 20enne  continua e persiste in  episodi sempre più costanti e gravi e come spesso accade in questi casi, chi subisce atti di bullismo, spesso tende a tenere nascoste le angherie delle quali è vittima, sia per paura di ulteriori ripercussioni e soprattutto per vergogna di confessarlo, così come è accaduto a D.P., il quale, solo dopo anni di offese, minacce e soprusi, ha avuto il coraggio di svelare il tutto ai propri genitori, i quali sono venuti a conoscenza di tale realtà, solo dopo l’ennesima minaccia fatta tramite facebook e che aveva provocato in D.P. una forte crisi di panico e di pianto tanto da essere trasportato in ospedale dove è stato necessario somministrargli del calmante.

Dopo la querela sporta nel 2016, si è scoperto che M.P. perseguitava costantemente D.P. anche con minacce di morte

.La vittima, D.P. di anni ventidue, difeso di fiducia dagli avvocati Provino Meles e Raffaele Meles, ha trovato dunque  il coraggio di denunciare il tutto dopo tre anni di soprusi.

In sede di udienza preliminare, la difesa dopo la regolare costituzione di parte civile del proprio assistito, ha ripercorso dettagliatamente l’intera vicenda, enunciando al Giudice Teresa Reggio le ragioni che avrebbero giustificato un rinvio a giudizio. Il Gip  ha poi disposto il rinvio a giudizio fissando a metà dicembre la data di apertura del processo nel quale l’imputato dovrà rispondere del grave reato di atti persecutori in danno di D.P. .

Potrebbero interessarti anche...

Lascia commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *