Alluvioni 2018. Thurio, l’assessore regionale Gianluca Gallo: In arrivo il sostegno alle aziende

Gianluca Gallo

L’assessorato regionale all’Agricoltura e alle Risorse agroalimentari, guidato da Gianluca Gallo, rende noto che, sul portale istituzionale www.regione.calabria.it, è stata pubblicata la graduatoria provvisoria delle domande di aiuto presentate dalle aziende agricole della provincia di Cosenza danneggiate dalle piogge alluvionali dell’ottobre e del novembre 2018, con particolare riferimento agli eventi che interessarono contrada Thurio, nell’agro di Corigliano-Rossano.

Il lavoro di valutazione e verifica svolto dall’Area territoriale settentrionale-funzioni territoriali di Cosenza ha portato a considerare ammissibili, tra quelle presentate, 15 istanze, per un ristoro nel complesso pari a 332.781,18 euro, risorse stanziate dal Mipaaf.

«Siamo riusciti a sbloccare un’altra situazione incresciosa che si era incagliata da troppo tempo», sottolinea l’assessore Gallo.

«Le aziende agricole calabresi che hanno subito forti perdite e penalizzazioni a causa delle eccezionali avversità atmosferiche dei mesi di ottobre e novembre 2018 – aggiunge Gallo – riceveranno finalmente il sostegno dovuto».

Avvertenza: entro quindici giorni dalla pubblicazione degli elenchi è possibile chiedere il riesame della propria posizione, esclusivamente tramite una comunicazione all’indirizzo pec del dipartimento Agricoltura (pec: dipartimento.agricoltura@pec.regione.calabria.it) e/o al settore n. 2 Servizi area territoriale settentrionale – funzioni territoriali di Cosenza (pec: areacosenza.agricoltura@pec.regione.calabria.it), indicando l’esatto oggetto «avversità atmosferiche “Piogge alluvionali ottobre-novembre 2018” (Dm 1651 del 16/01/2018). Approvazione elenco domande ammesse ai benefici previsti dall’art. 5, comma 2 del D. lgs 102/2004 e s.m.i (imprese agricole)».

Nelle prossime settimane, saranno definite e rese note le graduatorie afferenti le calamità naturali che nell’annualità 2018 colpirono aree di altre province calabresi (Comunicato stampa).

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.