Villapiana. Ss.106 Roseto-Sibari: incrociano le braccia i lavoratori della vigilanza |VIDEO

Incrociano le braccia i lavoratori del servizio di vigilanza armata e di portierato che operano con la società Cosmopol di Avellino. Il cantiere in questione riguarda quello del terzo megalotto della costruenda strada statale 106 jonica Sibari-Roseto. Da oltre due anni si va avanti a botta di assunzioni e riassunzioni con contratti a termine e, per di più, durante la festività non è stata erogata la tredicesima mensilità. Questa mattina un gruppo di lavoratori ha dato vita a un’azione di protesta davanti alla sede del concessionario Webuild/Sirjio (azienda che in Italia ha 6mila dipendenti, circa 30 nel cantiere del terzo megalotto), alla presenza delle organizzazioni sindacali Cgil (Giuseppe Guido e Andrea Ferrone) e della Uil (Luciano Campilongo) allo scopo di far sentire le proprie ragioni. Tra i punti nodali: la stabilizzazione delle, mettendo da parte la precarietà e la riassunzione di quei lavoratori (dieci) a cui è scaduto il contratto.

Chiesto un incontro al Prefetto di Cosenza allo scopo di mediare con la società concessionaria e di pervenire a una soluzione praticabile. Intanto la società, dopo la protesta di questa mattina, ha già fissato un incontro per l’11 gennaio prossimo tra le parti. «Si è proceduto a nuove assunzioni, ha affermato Luciano Campilongo (Uil), senza tener conto del personale esistente a cui è scaduto il contratto. Tra l’altro la Cosmopol è sott’organico in molti cantieri in cui opera, tra cui l’ospedale spoke di Corigliano Rossano». Si tratta di lavoratori con famiglie a carico, monoreddito. Uno degli ex dipendenti parla di «duro lavoro, doppi turni e straordinari ed ora ci hanno dato il benservito, mentre Cosmopol continua ad assumere scavalcandoci». C’è chi ha avviato vertenze legali ma non giungono risposte dall’azienda.

 

 

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *