Vertenza. Cgil e Uil replicano a Ecoross sullo sciopero



Corigliano Rossano – Cgil e Uil confermano la proclamazione di una giornata di sciopero dei lavoratori Ecoross per l’area urbana di Rossano. Secondo le due sigle sindacali circa “30 lavoratori da 25 anni continuano a prestare la loro attività con rapporti di lavoro part time”. “Cgil, Fit Cisl e Uil Urbana hanno ritenuto di dover disdettarel’accordo, per il solo cantiere di Rossano, poiché veniva impedita la possibilità che i lavoratori part time potessero aumentare le ore di lavoro settimanali”.

Per il sindacato l’azienda vorrebbe  “proporre un incremento orario per i lavoratori part time, e poi comunicare loro che le ore aggiuntive devono essere lavorate nei pomeriggi. Di fatto, poi, Ecoross crea i presupposti per evitare che i Lavoratori possano accettare; l’Azienda continua a non garantire il servizio doccia all’interno dei propri stabilimenti di C.da S. Irene. Nei giorni di rientro pomeridiani, il sacrificio e i costi, che i lavoratori dovrebbero affrontare a proprie spese, raddoppiano, di fatto annullando il piccolo miglioramento economico derivante da un incremento di sole 2 ore e 40 minuti settimanali”.

“Fp Cgil e Uil Urbana avevano chiesto all’Azienda, in occasione del potenziamento di personale per gestire la stagione estiva, di incrementare l’orario di lavoro”. “Le OO.SS. hanno chiesto di equiparare i lavoratori dell’ex Cantiere di Rossano, ai colleghi del versante coriglianese, che legittimamente lavorano con rapporti di lavoro a tempo pieno. Le OO.SS. hanno chiesto a Ecoross di consentire che le due ore e quaranta minuti di incremento orario settimanale fossero lavorati in un rapporto di continuità lavorativa mattutina”.

Sulla puntualità dei pagamenti Cgil e Uil  ricordano  che i lavoratori sono ancora in attesa, dal mese di aprile scorso, della erogazione dei buoni pasto, che sono parte integrante dei diritti contrattuali. Così come vogliamo ricordare che, giusto un anno fa, i lavoratori sono stati costretti a tre giorni di dure proteste e occupazioni, proprio perché Ecoross non pagava le retribuzioni maturate. (fonte comunicato)

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.