Vendita del pesce dal produttore al consumatore a Trebisacce



TREBISACCE Dal produttore direttamente al consumatore, senza tanti passaggi intermedi che allungano i tempi e spesso finiscono per danneggiare chi produce realmente il bene di consumo. In questa ottica e secondo questo criterio, nasce la simpatica e lodevole iniziativa dei titolari del peschereccio “Nicola Andrea” (nella foto) di proprietà della famiglia Guttieri di Trebisacce che hanno deciso di confezionare il pescato direttamente in mare per poi distribuirlo, su richiesta, ai consumatori finali.

In realtà la strategia commerciale denominata “Dal produttore al consumatore” è stata adottata di recente anche dalla Commissione Europea per accelerare la transizione verso un sistema alimentare equo, sano e rispettoso dell’ambiente che, oltre alle aziende di commercio e alla grande distibuzione tuteli anche i piccoli produttori. Oggi questo innovativo progetto si può calare nella realtà anche perchè lo storico e già malconcio pontile di Trebisacce, grazie ad un finanziamento di circa 1miliore di euro, è stato risanato, ristrutturato e allungato tanto che adesso può ospitare pescherecci di stazza più grande come il “Nicola Andrea”. E così che per la famiglia Guttieri, che come è noto, insieme alle famiglie Corvino e Folda è una delle famiglie storiche di pescatori e di commercianti del pesce a Trebisacce, è stato più facile varare questa simpatica iniziativa. E’ proprio grazie a queste famiglie che nel corso degli anni hanno raccolto e rilanciato l’eredità dei loro genitori e nonni, che la cittadina jonica ha potuto conservare e tramandare la lunga tradizione marinara della pesca e della commercilizzazione del pescato che per secoli ha contribuito ad alimentare l’economia locale. Confezionare a bordo il pesce fresco appena pescato e consegnarlo ai clienti direttamente a domicilio, senza passare per alcun punto vendita: questa la sfida lanciata dallo storico peschereccio trebisaccese della famiglia Guttieri che, il martedì ed il giovedì, con il sostanziale ausilio del web, si cimenterá in questa nuova sfida che, si spera, possa essere accompagnata da altre inizitive del genere.

Pino La Rocca

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.