Trebisacce, consorzio di bonifica: prosegue la protesta | VIDEO

Prosegue il blocco dei dipendenti del consorzio di bonifica di Trebisacce nonostante l’incontro avuto ieri in Regione presso l’assessorato all’agricoltura alla presenza delle organizzazioni sindacali. Questa mattina un nuovo presidio si è tenuto nei pressi della sede del consorzio di Via XXV Aprile.

Le maestranze vantano ben sei mensilità, diritti previdenziali inclusi. Tra chi protesta anche quei lavoratori del consorzio che da anni sono andati in pensione ma non hanno ricevuto l’indennità di trattamento di fine rapporto. Poco produttivo, almeno sul versante degli stipendi, l’esito dell’incontro di ieri a Catanzaro. Si procederà a una variazione di bilancio di un 1milione e 600mila euro dei 3 stanziati, mentre il 14 ottobre prossimo è già programmata una riunione sulla riforma dei consorzi a partire da un processo di razionalizzazione degli stessi e alla conseguente rivalutazione del personale. Così come sottolinea la rappresentante della Flai-Cgil Federica Pietramala che segue attivamente tutte le fasi della vertenza sin dalle prime battute.

Tuttavia, la soluzione sul riparto dei fondi non risulta esaustiva al pagamento degli stipendi. Da qui la decisione di continuare con la protesta fino a data da destinarsi. Nel frattempo è stato chiesto non solo il commissariamento del consorzio di Trebisacce ma anche le dimissioni del suo presidente:«La Regione deve ripartire dalla rimozione del presidente del consorzio di Trebisacce, afferma il segretario generale della Cgil (Sibari-Tirreno-Pollino) Giuseppe Guido. I lavoratori devono essere pagati per il lavoro che svolgono. Si autotassano con il pagamento del carburante al fine di raggiungere il posto di lavoro e non vengono neanche stipendiati, è una vergogna». In linea Marco Stillitano (Filb-Uil) e Antonio Pisani (Fai-Cisl) i quali confermano lo stato di agitazione e auspicano risposte positive nel corso del prossimo incontro del 14 ottobre.

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *