Test sierologici. Scutellà a Santelli: Priorità forze dell’ordine e categorie a rischio

CORIGLIANO-ROSSANO – «Non sottovalutare il rischio a cui sono esposti donne e uomini che lavorano nella grande apparato dei servizi e del commercio. A partire dalle forze dell’ordine, bisogna prevedere e provvedere con urgenza a disporre esami sierologi e tamponi per tutte quelle categorie di lavoratori che ad oggi sono particolarmente esposte. Un esempio virtuoso è quello della Regione Toscana».

A lanciare l’appello, direttamente al presidente della Regione Calabria, Jole Santelli, è la portavoce del Movimento 5 Stelle alla Camera dei Deputati, Elisa Scutellà.

«Chi garantisce la sicurezza sul territorio calabrese – precisa la Scutellà – e in questo periodo di emergenza epidemiologica è particolarmente esposto al pericolo di contagio, oltre agli operatori sociosanitari, è sicuramente il comparto delle forze dell’ordine e del soccorso pubblico che quotidianamente vigila sul rispetto delle regole di contenimento oltre ad attenersi ai compiti già loro comunemente affidati».

«A queste lavoratrici e lavoratori – precisa ancora – si aggiungono altre categorie che in questo periodo sono sensibilmente esposte ai rischi del contagio come tutti quegli operatori dell’apparato dei servizi e del commercio, dai commessi agli addetti di sportello, e via via che le aperture si amplieranno anche tanti altri lavoratori saranno inevitabilmente messi in pericolo di contagio».

«L’invito che rivolgo alla governatrice Santelli – prosegue la parlamentare 5 stelle – è di non sottovalutare il rischio a cui sono soggetti queste donne e questi uomini e di prevedere e provvedere con urgenza a disporre esami sierologi e tamponi almeno per le categorie di lavoratori che ad oggi sono effettivamente più a rischio. Sappiamo dell’intenso sforzo profuso in questo periodo dagli operatori delle forze dell’ordine e dell’assennato senso del dovere di altrettante categorie che in questo periodo sono inevitabilmente a stretto contatto con i cittadini che potrebbero inconsapevolmente essere portatori asintomatici del virus. Sarebbe un atto di irresponsabilità non vigilare sulla loro salute, a fronte dei rischi a cui sono sottoposti quotidianamente e dell’impegno costante prestato per garantire sicurezza, servizi all’utenza e il rispetto delle regole. Sarebbe invece sensato e coscienzioso prendere esempio da altre regioni sul territorio nazionale, come ad esempio la Toscana, che ha già predisposto screening sanitari in vasta scala per contrastare la diffusione del Covd-19. Non può essere disconosciuto il forte rischio a cui vanno incontro ogni giorno migliaia di lavoratrici e lavoratori nei negozi, nelle aziende e negli uffici calabresi ed è per questo che va loro riconosciuta da parte dell’amministrazione regionale una sicurezza sul lavoro in tempi celeri, se non immediati, affinché – conclude – vengano predisposti tutti gli esami sanitari del caso per evitare il conclamarsi di un abbandono istituzionale» (Comunicato stampa).

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.