Stige, dissequestrato il Castello Flotta di Mandatoriccio

Operazione “Stige”, dissequestrato il Castello Flotta di Mandatoriccio. Nella mattinata di oggi il Tribunale del Riesame di Catanzaro ha accolto l’istanza avanzata dalla difesa avverso il provvedimento di sequestro, “ordinandone la restituzione all’avente diritto Nicola Flotta, in qualità di l.r.p.t. della Tourist Service a.t.r.r. s.r.l.”. A darne notizia, attraverso una nota, è l’avvocato difensore Francesco Cornicello che ripercorre un po’ le tappe della vicenda, a cominciare dall’ordinanza di custodia cautelare di cui era stato destinatario il proprio assistito, nonché di decreto di sequestro preventivo della società “Tourist Service” proprietà del Castello Flotta. Con ordinanza dello scorso 25 gennaio, il Tribunale del Riesame di Catanzaro aveva accolto il ricorso proposto nell’interesse di Flotta, rimettendolo completamente in libertà, senza alcuna misura alternativa. E oggi, lo stesso Tribunale ha accolto anche il riesame avverso il provvedimento di sequestro del “Castello Flotta”

L’avvocato Cornicello “esprime piena soddisfazione per il significativo risultato raggiunto, evidenziando di aver compulsato l’operato riesame delle gravose misure applicate al suo patrocinato, nel pieno rispetto delle parti, affidandosi ai rimedi processuali offerti dalla legge, mercé l’esibizione, nel contraddittorio, di documentazione comprovante l’assoluta legittimità e la trasparenza dell’investimento effettuato dal Flotta per la realizzazione della struttura nonché la sua estraneità ai fatti contestati e della società che rappresenta. Il “Castello Flotta” di Mandatoriccio, pertanto, – conclude il legale – continuerà, cosi come ha fatto anche nella contingente fase commissariale, a svolgere regolarmente la sua attività, questa volta, però, con l’auspicato ritorno alla conduzione del suo istrionico proprietario che, con le sue indubbie qualità nel settore della ristorazione e soprattutto dei banchetti nuziali, ha raggiunto la meritata notorietà”.

 

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *