Sibaritide-Pollino, Ordine degli Avvocati: stop ai conflitti |VIDEO



S’insedia il nuovo consiglio dell’Ordine degli Avvocati di Castrovillari e si lavora al fine di superare le conflittualità interne alle toghe. Tra gli avvocati del Pollino e quelli della Sibaritide non corre buon sangue sin dai tempi dell’accorpamento dell’ex tribunale di Rossano a Castrovillari.

In questi giorni, sulla base di una pronunzia del Consiglio nazionale forense che ha dichiarato ineleggibili quattro componenti e rese effettive altre quattro dimissioni di altrettanti componenti, gli equilibri si sono ribaltati. A governare i vertici dell’Ordine non più la corrente del Pollino ma quella del versante Jonico. «Sono ora maturi i tempi per superare ogni ostilità», ha affermato il neo presidente Franco Camodeca, che sottolinea come la fusione dei due ordini abbia comportato dei tempi di metabolizzazione non indifferenti e per alcuni versi fisiologici. «Ora però, abbiamo l’obbligo di lavorare nell’ottica di una categoria sempre più unita e compatta».

Tra le prime operazioni in cantiere: i rapporti con i magistrati e le problematiche derivanti dalla pandemia. Dal 30 marzo scorso i disagi sono stati in larga parte superati. L’Ordine è orientato ad attivare procedure di  superamento di ogni singola imperfezione a partire dai disagi derivanti agli avvocati con l’istituzione del front-office negli uffici di cancelleria.  La pandemia, per alcuni versi, si è però rivelata positiva per alcune forme di organizzazione come nel caso della trattazione scritta delle udienze poco rilevanti che consentono un numero maggiore di causa in tempi ristretti.

 

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.