Sibaritide, ferragosto: stabilimenti balneari stracolmi nell’osservanza delle normative anti-covid |VIDEO

In un’atmosfera semi blindata a causa della pandemia spira aria di ottimismo e di positività tra gli operatori turistici lungo la costa jonica cosentina. L’obiettivo è coniugare a una giornata rilassante e distensiva ferragostana qualità del servizio, sicurezza, incassi. Flussi turistici imponenti, «molto meglio del previsto, commentano alcuni operatori proprietari di lidi. Il Covid sicuramente condiziona ma ci riteniamo comunque soddisfatti». I tempi non sono facili, le restrizioni influenzano i flussi.  Ristoranti, bar e locali della movida sono considerati dei veri e propri sorvegliati speciali dagli organi preposti ai controlli. La finalità è quella di verificare il rispetto delle norme anti Covid e l’uso del green pass. Nelle programmazioni di spettacoli e manifestazioni all’aperto è severamente indicato l’utilizzo del lasciapassare verde.

Insomma le politiche di rigore sono la parola d’ordine. A ferragosto, tuttavia, ci si diletta tra pranzi e cene e degustazioni di pietanze tradizionali, molto apprezzate dai turisti. Presi d’assalto gli stabilimenti balneari. I menù a chilometro zero, in larga parte a base dei prodotti del territorio: salumi, formaggi tipici, funghi, pesce azzurro, rosa marina, carni podoliche locali. Il piatto forte e più gettonato è il mare-monti. Si trascorre tendenzialmente tutto il giorno in spiaggia, qualche giro in barca o col pattino, e poi tappa obbligata al ristorante per gustare le prelibatezze.

 

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *