Sibaritide: agguati e pestaggi, è allarme sociale |VIDEO



La Sibaritide ha ormai raggiunto soglie di guardia: è iniziata una guerra intestina tra trafficanti di droga pericolosa, che macina morti. Cruenta e difficile da gestire.

La tenuta del tessuto sociale è fermamente in bilico. Ieri in pieno centro, nell’area urbana di Corigliano, scoppia una rissa violenta tra stranieri a colpi di sprangate, almeno due i feriti, per uno dei quali si è reso necessario l’intervento dell’ambulanza per il trasferimento in pronto soccorso. Contestualmente, in una zona baricentrica tra le aree urbane di Corigliano e Rossano, una scarica di pallottole colpiva l’auto a bordo della quale viaggiava Cosimo Marchese, 39 anni, detto il “Diavolo”, coinvolto nella maxi operazione internazionale antidroga Karaburun. E con lui anche Pasquale Aquino, il 58enne ucciso a colpi di pistola un mese fa a Schiavonea. Non è da escludere una lotta interna tra clan contrapposti per la gestione del territorio nel mercato della droga. L’uomo è rimasto ferito in più parti del corpo, ma non in organi vitali. Non è in pericolo di vita. Indagano gli uomini del commissariato di pubblica sicurezza di Corigliano Rossano.

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.