Abusi edilizi, liquami, fogne a cielo aperto. Esplode l’ira di uno dei quartieri più popoli di Corigliano Rossano, contrada Giannone a Schiavonea. Questa volta si passa alle vie di fatto: è pronta una denuncia indirizzata alla Procura di Castrovillari, al Consorzio di bonifica, al sindaco di Corigliano Rossano e al Comando della Polizia locale.

Il cedimento di un muro costruito per il mantenimento dell’argine del canalone di scolo su cui confluiscono i reflui. Effetti maleodoranti, insetti, ratti, di tutto e di più. L’esasperazione di vive da quelle parti.