Sanità Calabria. Mancini: Ognuno faccia il suo

fusione

La frase che in questi giorno ascoltiamo «che posso fare io? la sanità in Calabria è commissariata» è tanto comoda quanto inutile – così Giacomo Mancini, già parlamentare socialista.

Se infatti solo la metà dei nostri rappresentanti istituzionali facesse il proprio dovere in termini di programmazione, impulso, verifica, controllo e ispezione  (tutte funzioni attribuite dalla legge) sui nostri ospedali, sui posti di terapia intensiva che mancano, sul personale medico e paramedico insufficiente, sulle strutture inadeguate, i calabresi non avrebbero una sanità da terzo mondo. 

Se siamo la regione più derisa e oltraggiata di Italia – conclude Mancini –  non è solo colpa di personaggi da operetta mandati qui a fare i commissari (a spese nostre), ma anche da chi è stato scelto dai calabresi con il voto, ma non li rappresenta per come dovrebbe (Comunicato stampa).

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.