Rossano, sospeso il trasferimento dei migranti in contrada Seggio

ROSSANO Giunge l’ufficialità: il trasferimento di circa 150 migranti nella struttura turistica di Parco dei Principi, in contrada Seggio, è stato sospeso dalla Prefettura di Cosenza, mentre si chiede che vengano effettuati dei sopralluoghi accurati prima di destinare siti all’accoglienza degli immigrati. A darne notizia è il sindaco di Rossano Stefano Mascaro, che nella giornata di oggi ha preso parte al presidio dei cittadini e contattato la Prefettura. Come già anticipato, alla base della sospensione del provvedimento, le condizioni strutturali e logistiche del sito individuato. Un plauso al sindaco, che ha preso a cuore la questione non esitando ad unirsi al presidio messo su sin dalla mattinata dai residenti della zona e da altri cittadini. “Non era e non è pensabile di ubicare – afferma il Sindaco Mascaro in una nota diffusa dal Comune di Rossano, ribadendo che resta comunque alta l’attenzione dell’Amministrazione Comunale sulla vicenda, non affatto conclusasi – un centro di accoglienza migranti in un’area che risulta essere separata, attraverso un solo viottolo di appena un metro di larghezza, da altre zone contigue a destinazione e fruizione turistiche, sia stagionale con presenze extra regionali, sia con diversi investimenti in seconde abitazioni. Attese la delicatezza e complessità di queste iniziative che non possono non avere notevoli ricadute sociali sui territori ospitanti, riteniamo che lo Stato centrale ed i suoi uffici periferici debbano necessariamente far precedere adeguate verifiche e sopralluoghi direttamente sui luoghi individuati per centri di accoglienza migranti prima di ogni effettiva decisione finale che dovrebbe comunque essere in un qualche modo preventivamente condivisa, quanto meno per ciò che concerne criteri e numeri, con le istituzioni e le comunità locali”. Per lunedì, intanto, è fissato l’incontro urgente chiesto dallo stesso sindaco Mascaro al Prefetto di Cosenza.

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *