Rossano, ipotesi di trasversalismi: Librandi chiede verifica di maggioranza



Animi tesi all’interno della maggioranza di governo di Rossano. Equilibri da rivedere anche alla luce dei risultati venuti fuori dalle recenti elezioni provinciali, che hanno rappresentato una disfatta per la Sibaritide, con l’elezione del solo consigliere di Rossano Vincenzo Scarcello quale rappresentante della fascia jonica. È il consigliere comunale Pierpaolo Librandi a non risparmiare invettive, profilando ipotesi di trasversalismi e chiedendo una verifica di maggioranza nonché l’azzeramento della giunta. “Auguri all’unico neo consigliere provinciale di Rossano avv. Vincenzo Scarcello” – esordisce così il consigliere Librandi che, “in una logica proposta dal primo cittadino” afferma di aver fatto “un passo indietro sacrificando la propria candidatura per il bene  della città, dimostrando così – prosegue Librandi in una nota – di non essere attaccato a poltrone e/o a logiche di potere, tutto ovviamente nell’ottica di favorire gli altri due candidati Scarcello (al quale ha fatto confluire il suo voto) e Micciullo. Ma se da una parte il sottoscritto consigliere Pierpaolo Librandi ha dato dimostrazione di grande attaccamento alla città, dall’altra invece il Partito Democratico nella persona del “super-assessore” Nicola Candiano e del “sindaco facente funzioni” Aldo Zagarese non sono riusciti a “convincere” rispettivamente i consiglieri Teodoro Calabrò ed Enza Curia a votare il compagno di partito, nonché capogruppo dott. Antonio Micciullo “trombando” la sua elezione a consigliere provinciale”. E non è tutto. “I due consiglieri Calabrò-Candiano e Curia-Zagarese – prosegue la nota di Librandi – da indiscrezioni pervenute avrebbero votato rispettivamente per il consigliere Pino Capalbo e Marco Ambrogio seguendo logiche legate a interessi di natura personale, tradendo la fiducia del sindaco che aveva chiesto loro di dare una mano a Micciullo, il tutto come sempre a danno della nostra città e del nostro territorio. Così facendo hanno aperto una crisi di fatto, facendo saltare gli equilibri nella maggioranza di governo”. Pertanto, alla luce dei fatti accaduti, il consigliere Pierpaolo Librandi “chiede con urgenza una verifica della maggioranza ed un azzeramento della giunta, anche in virtù dei nuovi gruppi formatisi”.

(fonte: comunicato stampa)

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.