Rossano. Iacoi conferma le accuse di censura. Mostra le prove



Rossano- Pronta la replica dell’autore del libro “Una finestra sull’Amministrazione della Polizia e della Giustizia”, dell’ispettore capo oggi in pensione Salvatore Iacoi circa il comunicato diffuso nelle ultime ore dall’amministrazione comunale di Rossano, in relazione alla revoca del patrocinio, della sala rossa di Palazzo San Bernardino e di Piazza Steri. L’autore del lavoro editoriale contesta i contenuti della presa di posizione assunta dall’intera amministrazione comunale che ha fatto quadrato attorno alle tesi del vice sindaco Aldo Zagarese. “La presentazione del mio libro è stata censurata con il divieto della sala rossa di Palazzo San Bernardino in Rossano, disposta con la seguente motivazione del Vice Sindaco Aldo Zagarese, Prot. Nr. 33229/Gab del 05/09/2017 il quale mi ha scritto “Omissis avendo in data odierna potuto prendere visione del libro….i cui contenuti non appaiono, ad avviso dello scrivente,….. si revoca quanto precedentemente autorizzato…” ( Iacoi allega copia della nota per la verifica giornalistica). Sempre il Vice Sindaco di Rossano Aldo Zagarese mi ha censurato la presentazione del libro anche nella piazza Steri scrivendo a mano, sulla mia richiesta, che “Omissis…il libro in questione tratta tematiche anche a carattere scandalistico e dunque non idonee ad essere illustrate nella pubblica piazza per la varietà di avventori…” ( Iacoi allega copia della nota per la verifica giornalistica).Quindi, il Vice Sindaco di Rossano ha sindacato il contenuto del libro, ritenendolo a parer suo non idoneo ad essere presentato in un luogo comunale come la sala rossa e nemmeno nella pubblica piazza. Ora, apprendo dal comunicato stampa del comune di Rossano che la censura non è tale perché intervenuta per finalità ed obbiettivi di interesse generale, ragioni di opportunità e di ordine pubblico. Naturalmente l’Amministrazione comunale non dice in forza di quale legge le ragioni di interesse generale, opportunità ed ordine pubblico sono stati loro demandati, anche perché tale norma non esiste. Per quanto attiene poi l’ordine pubblico voglio rammentare che il Vice sindaco di Rossano Aldo Zagarese non è né Autorità Provinciale né Autorità locale di Pubblica Sicurezza che, come certamente i lettori sanno sono rispettivamente il Questore di Cosenza ed il dirigente del Commissariato della Polizia di Stato di Rossano, i quali NON hanno emanato nessuna ordinanza in tal senso.
Nel comunicato dell’Amministrazione comunale viene affermato anche che il contenuto del libro è stato pubblicizzato, ed anche codesta affermazione è destituita di ogni fondamento poiché, proprio a causa della censura del vice Sindaco di Rossano Aldo Zagarese non ho potuto presentare il libro e quindi illustrarne il contenuto.
Anzi, l’indicazione del termine “scandalistico” senza alcuna motivazione, utilizzato dal vice Sindaco di Rossano Aldo Zagarese, che ora apprendo essere fatta propria anche dall’Amministrazione comunale, che ha trasformato il mio libro di storia di un rossanese in un libro denigrato.
Ciò ha determinato una vera e propria messa al bando del mio libro, che viene ora visto come un libro denigrato dal vice sindaco Aldo Zagarese e quindi non acquistato dai potenziali acquirenti”. Lo stesso Iacoi richiama alcuni aspetti del libro che parla approfonditamente di alcune falsità scritte sia da una parte dei vertici della Polizia di Stato sia da alcuni Giudici, “che senza la censura di cui sopra, avrebbe suscitato e meritato un diverso interesse dei cittadini rossanesi e forse favorito un adeguato ed approfondito dibattito culturale. Quindi io non sono stato favorito, ma danneggiato dal comune di Rossano- afferma Iacoi- che farebbe certamente meglio a riconoscere la propria sbandata istituzionale e chiedermi pubblicamente scusa con la necessaria offerta risarcitoria. Alla conferenza stampa dell’11 u.s. ho solo parlato della censura che ho subito e non del contenuto del libro come contrariamente al vero, afferma l’Amministrazione comunale e come riscontrabile dalla copia del comunicato stampa che ho distribuito ai presenti.
Il successivo 12 u.s. poi, mi sono recato all’ufficio protocollo del comune di Rossano per lasciare copia del comunicato a ciascun consigliere ma l’ufficio protocollo non ha voluto riceverle e non potendolo depositare nella cassetta dei consiglieri in quanto non esiste, mi sono recato dal Presidente del Consiglio comunale di Rossano Avv. Rosellina Madeo, che ha ricevuto le copie e si è incaricata di informare e distribuire le copie ai consiglieri, salvo poi consegnarle al messo comunale che me le ha riportate a casa senza alcuna lettera di accompagnamento.
Allego le copie degli atti sopra richiamati”.

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.