Rossano: droga, ritorsioni a chi non pagava

Droga: tredici persone sono state arrestate stamane dai Carabinieri del Ros, dai loro colleghi del comando
provinciale di Cosenza e dai finanzieri del nucleo di polizia tributaria del Gico del capoluogo, coordinati e diretti dalla Procura della Repubblica della Dda del capoluogo. Si tratterebbe, secondo gli
inquirenti, di affiliati alla cosca Acri-Morfò operante nel territorio di Rossano, accusate, a vario titolo, di traffico e spaccio di stupefacenti. Il vertice dell’organizzazione sarebbe composto da Salvatore Galluzzi, Francesco Sommario e Umberto Graziano, tutti già condannati a conclusione del processo scaturito dall’operazione “Stop” del giugno 2013. Gli inquirenti ritengono che uno dei principali luoghi di cessione fosse l’area delle case popolari di piazza Adele Russo di Rossano, su cui erano operanti i fratelli Pometti che ne avrebbero fatto un vero e proprio centro di spaccio delle sostanze stupefacenti ai vari clienti. I “pusher”, al fine di accaparrarsi la clientela, si mostravano apparentemente compiacenti e disposti ad assecondare le richieste dei tossicodipendenti, ma se i clienti non pagavano, scattavano dure e violente ritorsioni. Significativo l’episodio in cui i fratelli Pometti avrebbero aggredito un tossicodipendente, debitore di 5.000 euro, procurandogli una frattura ad un braccio. Un altro caso segnalato dai Carabinieri è legato all’arresto di Luigi Polillo, che, intercettato poco prima di una cessione concordata con un cliente, per impedire ai militari di trovare la sostanza stupefacente, ha ingoiato gli involucri che la contenevano, rischiando di morire. Solo il pronto intervento dei Carabinieri, che lo hanno portato subito al pronto soccorso, gli ha evitato la morte.

(fonte Agi)

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *