Riforma sanitaria, lo spoke Corigliano Rossano accorpato all’Hub di Cosenza

rossano

L’ospedale di Rossano

Di autonomia dell’ospedale “Corigliano Rossano” mediante l’istituzione di un’azienda ospedaliera non vi è traccia nel processo di riforma sanitaria del governo Oliverio. C’è poco da fare, la terza città della Calabria fa fatica a entrare nella testa di chi frequenta i piani alti. Eppure, il presidente Oliverio è uno di quelli che l’ha fortemente perorata. Nei fatti però cambia poco o nulla. Finisce nella commissione preposta la delibera di giunta regionale del 17 dicembre scorso secondo cui le reti “clinico-assistenziali” sarebbero scorporate dalle originarie Asp (due delle quali verrebbero soppresse) e accorpate agli ospedali HUB di riferimento. Nel caso di Corigliano Rossano (non essendo HUB), quindi, lo “spoke” finirebbe sotto la gestione ovviamente di Cosenza, con tanto di aggravio di costi a causa della lunga distanza territoriale che lega Cosenza a Corigliano Rossano.  L’auspicio è che la classe politica si mobiliti seriamente rispetto al tema della sanità e faccia prevalere i propri di diritti nella prima città della provincia di Cosenza che, in quanto tale, convoca e presiede l’istituto della conferenza dei sindaci con poteri di indirizzo e di controllo. In questo caso dovrebbe agire il commissario prefettizio Domenico Bagnato che, come tutti i rappresentanti espressione ministeriale, assume comportamenti neutri. In questo caso, però, dovrebbe sostenere le ragioni della comunità amministrata. Il tempo c’è, si tratta di una delibera di giunta che è appena transitata in commissione. Che quel che resta della rappresentanza parlamentare regionale del territorio si faccia sentire su questioni cosi serie.

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *