Provincia di Cosenza, è corsa alla presidenza: nel Pd spunta la candidatura di Lo Polito

Sindaci alle prese con le attività ordinarie e straordinarie dei singoli comuni ma anche con le problematiche inerenti il Recovery fund.

provinciali

Reduci dall’incontro dell’Anci a Parma è pratica abituale ormai rimanere in contatto, comunicare e trattare tramite “whatsApp” al fine di studiare le singole strategie per raggiungere l’obiettivo della presidenza della Provincia di Cosenza, occupata dal dimissionario (per incompatibilità) Franco Iacucci. Che avrà 90 giorni di tempo, a far data dall’insediamento in Consiglio regionale, per lasciare il Palazzo di Via XV Marzo. E lasciarlo a chi? La partita si gioca molto sul piano politico e sui rapporti che i sindaci riescono a tessere nell’ambito delle coalizioni tanto nel centrosinistra quanto nel centrodestra. Su questo versante la discussione è aperta nel Pd che ha una sorta di ipoteca sull’importante e prestigiosa carica. La discussione, per via del voto ponderato, cade inevitabilmente sui sindaci espressione dei comuni demograficamente più consistenti, nel caso di specie Cosenza e Corigliano-Rossano i cui primi cittadini vivono situazioni differenti per ragioni diverse. E mentre il sindaco di Cosenza Franz Caruso appare refrattario all’idea di una eventuale candidatura in prima persona, l’ausonicobizantino non nasconde la velleità di presentare una lista a suo sostegno. Percorso, quest’ultimo, ostico considerato che Stasi non è espressione di un partito, a parte il suo dichiararsi “uomo di sinistra”.

Del Pollino il nominativo che caldeggia nel Pd

In questo contesto prende sempre più corpo la candidatura del sindaco di Castrovillari Domenico Lo Polito e, non è da escludere, la carta del sindaco di Cassano Gianni Papasso, vicino alle posizioni del sindaco di Cosenza. Nel centrodestra, la discussione in atto ruota attorno ai nomi del sindaco di San Giovanni in Fiore Rosaria Succurro in pole position rispetto ad altri nominativi che con il trascorrere delle ore prendono sempre più corpo. In campo anche i sindaci di Crosia, Aprigliano e Terranova.  C’è tempo, tuttavia, per trovare la quadra. Il presidente Iacucci ha già convocato per sabato 18 dicembre le elezioni per il rinnovo del Consiglio provinciale che non necessariamente coincidono con quella del presidente (se ne parlerà agli inizi del nuovo anno). Ad oggi è tutto un continuo divenire, le dinamiche si confermano ostiche e non sono da escludere colpi di scena.

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *