Promenzio: Vertenza Spezzano, schianto annunciato. 20 mesi di disastro politico dell’amministrazione Stasi-Caracciolo

 

Gino Promenzio

A leggerla, la sentenza del Consiglio di Stato, sembra l’analisi fedele dei quasi due anni di chiachiere di questa giunta comunale:” una lunga serie di premesse, ma queste consistono in una lunga cronistoria dei fatti con una serie di provvedimenti adottati e nulla dicono circa interessi pubblici concreti da garantire”. Solo parole. Una vera e propria metafora dello stasismo. Scorrendo le righe che condannano i cittadini di Corigliano-Rossano, così come avvenuto per la sentenza TAR, più volte emerge il profondo caos che ha regnato nell’intentare questa sciagurata vertenza (confusione tra annullamento e risoluzione”).

Il Professore di Diritto e la Legalità

Come dicevamo nei giorni passati, la magistratura italiana, pittosto inspiegabilmente, non sembra fare tesoro degli insegnamenti di Diritto Planetario che pur generosamente il nostro sindaco elargisce.

Era già successo con la questione dell’apertura delle scuole, in cui TAR Calabria gli ha indicato, dandogli torto, anche quali siano i compiti- e i limiti- di un sindaco.

Stasi si è ripetuto poi a gennaio (in sincronia con l’anniversario della Costa Concordia…) di questo anno. Certo che il Consiglio di Stato non poteva che dargli ragione, solo pochi giorni prima della sentenza, Stasi si è portato avanti e a mezzo determine diriginziali, ha affidato ad altre ditte ruoli per cui già pagava ( o dovrà pagare Spezzano). Ma che bisogno c’era di fare questi affidamenti a pochi giorni dalla sentenza? Queste aziende sostitutive hanno lavorato? Pagheremo loro e Spezzano doppiamente per lo stesso sevizio?

Ovviamente questo sindaco, da sempre paladino della legalità, evita di dire che anche in questo ambito, con la sentenza Spezzano gli è stato mollato uno schiaffone non indifferente.

Forse, al nostro confuso ingegnere nessuno ha spiegato che sia in sede di appalto che in corso d’opera è stata investita come da protocollo anche l’ANAC, (Autorità Nazionale Anticorruzione) senza che questa muovesse rilievi o considerazioni.

Stasi, non sarà ora di dare una bella strigliata pure a loro?

comunicato stampa

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *